Homepage > Comedy > Drama > I Vitelloni Valutazione

I Vitelloni (1953)

Originaler Titel: I vitelloni
IMDB 7.9
Premiato
6
Bene
3
Media
0
Male
1
Terribile
0
data di revisione 02/21/2020
Wildermuth Broadbelt

Da qualche parte nel suo cammino dal neo al sur-, il giovane Federico Fellini aveva realizzato un film "I Vitelloni" (1953), spensierato, non convenzionale, audace e soprattutto divertente che racconta la storia di speranze e miserie di quattro amici, quattro giovani uomini, "I Vitelloni" in una cittadina di provincia costiera. "Vitellone" significa "giovane ozioso delle province, spesso uno studente eterno". Il titolo corrisponde molto bene ai suoi personaggi. Vivono nella città dove non succede molto; non hanno un lavoro e spendono i soldi dati dalle loro famiglie amorevoli. Hanno le più ardenti speranze e affrontano le crudeli delusioni. Sono diversi: cinico inseguitore di gonna Fausto che è costretto a sposare una ragazza incinta del suo bambino; l'intellettuale e ambizioso Leopoldo che sogna di diventare un famoso scrittore; l'irresponsabile "grande bambino" Alberto (Alberto Sordy, il famoso fumetto, assolutamente meraviglioso nel suo ruolo iniziale), e Moraldo, l'unico del gruppo che nella scena finale lascerà la città della sua infanzia per iniziare una nuova vita.

Ho adorato I Vitelloni. La musica di Nino Rota è al di sopra di ogni parola (come sempre) così come il lavoro della giovane regista, lo studio del personaggio e la recitazione. Penso a "I Vitelloni" come ad "Amarcord" più realistico e sobrio in B / N. Una delle scene era assolutamente sbalorditiva: il carnevale - la musica, la danza, i movimenti rapidi ma fluidi della macchina fotografica - semplicemente mozzafiato.

È senza dubbio che Fellini ha influenzato molti registi, e ci sono somiglianze tra "I Vitelloni" e "American Graffiti" di George Lucas e "Diner" di Barry Levinson. Stanley Kubrick e Marin Scorsese hanno entrambi nominato "I Vitelloni" come uno dei loro film preferiti.

Altamente raccomandato: 9/10
data di revisione 02/21/2020
Jahn Navin
Penso che l'unico altro utente ad aver commentato questo film possa aver perso un po 'del punto. Le azioni dei personaggi non sono difficili da capire. Fausto è un donnaiolo perché non prende sul serio l'amore e le sue responsabilità. Alberto e Riccardo bevono e fumano e vanno in giro perché quelli sono i ruoli designati per alcuni uomini in bande di questo tipo da adulti. Moraldo vede la femminilizzazione di Fausto ed è diviso tra lealtà verso il cameratismo del gruppo e verso il suo amico e l'amore per sua sorella, il che lo aiuta ad aiutare Fausto a proteggere Sandra dalla verità.

Per quanto riguarda la mancanza di definizione del personaggio dei personaggi, non penso che questo dovrebbe essere visto come un problema. La loro incapacità di sfuggire all'attrazione di una vita casuale li priva di carattere e il loro amore per la banda li priva di individualità. L'intercambiabilità dei loro sguardi e lo scambio di stili di peli sul viso illustrano le dinamiche di una banda: vocabolario condiviso, simpatie e antipatie condivise, che si giocano a vicenda.

Penso che questa sia una perfetta distillazione delle vite senza scopo dei maschi adulti, incapaci di staccarsi dalla banda. Se questo è il migliore di Fellini o meno, è uno studio molto toccante di relazioni tra uomini e città.
data di revisione 02/21/2020
Radbourne

Ho visto questo film per la prima volta da studente universitario in una lezione di cinema italiano. Sono stato impressionato allora, e recentemente l'ho visto di nuovo e sono stato nuovamente toccato da questi personaggi.

Poi ho notato che Martin Scorsese, nel suo documentario sul film italiano su Turner Movies Classics ("My Voyage to Italy"), nomina questo film come una grande fonte d'ispirazione per il suo film "Mean Streets" - e mi sono sentito totalmente esonerato di aver sempre ha messo questo film lassù con La Strada, 8 1/2, La Dolce Vita e Amarcord.

Scorsese stabilisce chiaramente il modo in cui questi personaggi vengono estinti con successo, incluso Moraldo, il personaggio autobiografico di Fellini. Questo è un film di semplice bellezza, e sebbene possa mancare dei significati allegorici complessi di La Dolce Vita e 8 1/2, la storia è più che coerente nel suo approccio diretto al racconto.

Dimentica Diner (un film decente), Slackers, Clerks e qualsiasi altro film "slacker / mocassino"; I Vitelloni trascende il genere - ed è un vero classico.

Noleggia questo film - non ti deluderà.
data di revisione 02/21/2020
Vladimir

"I Vitelloni" è un primo film in qualche modo autobiografico di Fellini che racconta la storia di cinque giovani che si aggirano in una città di provincia e cercano di far quadrare i conti. Nel film, vediamo come è la vita degli adulti che vivono ancora nella casa dei loro genitori (qualcosa di molto comune in Italia). La storia in sé è piuttosto semplice e, mentre si concentra principalmente su un personaggio (Fausto), abbastanza noioso sebbene ci siano alcuni aspetti comici in esso (come Fausto tradisce sua moglie e come il suo datore di lavoro lo butta fuori). Anche se Fellini ha voluto dare un po 'di profondità a questo film - ad esempio mostrando il fatidico incontro di Moraldo e del ragazzo che lavora alla stazione ferroviaria locale - in qualche modo ha mancato il punto. I dialoghi non sono abbastanza profondi, l'azione e la reazione dei personaggi rimangono prevedibili e la "spezia", ​​che possiamo trovare in altri film di Fellini, sembra mancare in questo.
data di revisione 02/21/2020
Rick Dushkin

La genesi di "I Vitelloni" è avvenuta in un momento critico per Federico Fellini. Il suo film precedente, "The White Sheik" era stato accolto con tale delusione dalla critica e dal pubblico che la sua carriera da regista era in pericolo. Quindi, con la necessità di una produzione di successo in testa, Fellini ha deciso di fare una commedia semplice ...!

La semplice storia dei cinque "mocassini" e dei "sognatori" avrebbe potuto essere banale e banale, ma nelle mani di Fellini la storia si svolge come un bellissimo fiore come parte di un'esperienza complessivamente potente e commovente. Pochi registi hanno comunicato la propria visione ed esperienza personale con la stessa intensità di Fellini. Mentre c'è una disputa sul fatto che esista una correlazione diretta del personaggio di Moraldo con lo stesso Fellini, Fellini ci mette comodamente nei suoi panni e ci connettiamo con le frustrazioni, le aspirazioni di Moraldo e, infine, il suo esodo.

Con "I Vitteloni", Fellini iniziò a fare il passo di 10 anni di grandezza, culminando in "Otto e Mezzo". L'esplorazione del personaggio episodico degli ultimi anni non è così dominante qui, ma le allusioni a persone, luoghi e cose sono presentate in pieno vigore. La storia è più facile da seguire rispetto ai film successivi ed è una parte più centrale del film. Questa coerenza è più facile da comprendere, rendendola più accessibile per il neofita Fellini.

Ma, con tutto il discorso su Fellini, questo è ancora un film magnifico che si distingue da solo. Guardalo.
data di revisione 02/21/2020
Hendrix Pantzer
Questo è un film meraviglioso I BFI hanno messo insieme il loro atto e fatto una nuova stampa, quindi finalmente riesco a vedere questo - e ad essere sincero l'ho preferito a La Dolce Vita (nonostante l'assenza di Mastrionni - l'uomo più sexy nella storia del cinema). Ad ogni modo, alcune di queste scene erano semplicemente incredibilmente belle, in particolare le conseguenze del carnevale, dove Angelo guarda ubriaco i clown (che stanno per diventare un motivo chiave di Fellini). Ciò che ha particolarmente colpito è stata la colonna sonora, che è passata da una partitura di melodramma abbastanza tipica a un uso brillante del suono naturale, in particolare il vento freddo che soffia per le strade al largo del mare. Questo suono aggiunge pathos e ti aiuta a capire che il "lieto fine" di sandra e Faustos è solo temporaneo: questo è un luogo desolato che rende le vite desolate. Differisce dai classici neo-realisti come i Ladri di biciclette in quanto pone il malessere nel regno spirituale ed emotivo piuttosto che in quello finanziario, anche se hai ancora la sensazione che le difficoltà economiche dei ragazzi non siano del tutto volontarie. Davvero davvero piacevole al tuo primo orologio, qualcosa che non penso tu possa dire di tutti i film di Fellini, girati magnificamente e meravigliosamente stimolati, ti senti come se avessi assistito a un piccolo miracolo guardando questo film.
data di revisione 02/21/2020
Winser Junttila

In una piccola città di mare in Italia, Moraldo Rubini (Franco Interlenghi), Alberto (Alberto Sordi), Fausto Moretti (Franco Fabrizi), Leopoldo Vannucci (Leopoldo Trieste) e Riccardo (Riccardo Fellini) formano un gruppo di amici oziosi che trascorrono il loro tempo insieme non fanno altro che bere, flirtare e andare alle feste. Quando la fidanzata di Fausto, Sandra Rubini (Eleonora Ruffo) rimane incinta, viene costretto dal padre a sposarla. Tuttavia, l'irresponsabile Fausto rimane infedele a Sandra, ingannandola con molte donne e quasi portando la sua famiglia a una tragedia.

"I Vitelloni" è un melodramma italiano con la firma di Federico Fellini: ottima produzione, ottima colonna sonora, interpretazioni eccezionali, meravigliosa cinematografia. La storia è datata ai giorni nostri, non è il mio film preferito di Fellini, ma è ancora un film magnifico. Non sono sicuro che la storia di questo gruppo di "Peter Pans" sia autobiografica o meno, ma è una buona sceneggiatura legata alla cultura italiana degli anni '50. Il mio voto è di otto.

Titolo (Brasile): "Os Boas Vidas" ("The Bons Vivants")
data di revisione 02/21/2020
Chappell

I Vitelloni è stato il terzo film di Federico Fellini, e mostra molto bene come stava maturando nel suo stile, e allo stesso modo molto bene come non fosse ancora completamente maturo. Il suo prossimo film sarebbe La Strada, uno dei più grandi film del mondo. I Vitelloni, anche se molti hanno avuto la possibilità di vederlo come uno dei suoi migliori, è un livello inferiore rispetto a La Strada e al suo altro capolavoro melodrammatico, Nights of Cabiria (i suoi altri capolavori, IMO, sono La Dolce Vita, 8 ½ e Amarcord di quelli che ho visto, che sono tutti quelli che sono generalmente considerati fantastici; farei anche un caso per And the Ship Sails On). I difetti del film sono principalmente nella sceneggiatura: è sciatta. Ci sono diverse scene fantastiche, un paio delle migliori, specialmente in un aspetto visivo, che Fellini ha mai creato, ma più spesso le azioni dei personaggi sono difficili da capire. I personaggi stessi non sono poi così ben definiti - in una scena che da allora è diventata comune, i cinque personaggi del titolo ci vengono presentati da un narratore, che ci racconta alcuni tratti primari per ciascuno di essi. Purtroppo, impariamo solo un po 'di più sulla maggior parte di essi. Ciò che danneggia davvero il film, tuttavia, è il fatto che alcuni di questi personaggi principali sono difficili da distinguere l'uno dall'altro. A peggiorare le cose, col passare del tempo nel film, i personaggi cambiano costantemente lo stile dei loro capelli facciali!

Il film è piuttosto episodico, che in realtà è il modo più comune di Fellini di affrontarlo, ma la maggior parte degli eventi nei suoi film migliori sembra avere un peso maggiore sulle emozioni dei film. I Vitelloni è ancora un ottimo film, ma, data la sua indisponibilità, non è necessario buttarti giù alla ricerca. Forse Criterion lo rilascerà presto su DVD. Forse, se ha dei buoni extra, lo comprerò. 8/10.
data di revisione 02/21/2020
Rebeca Bohnert

Vitelloni di Fellini è considerato (purtroppo) spesso come uno dei film che non appartengono alla metà migliore delle sue creazioni. Ok potrebbe mancare il livello impeccabile di realizzazione tecnica e artistica delle opere successive, tuttavia a mio avviso è un capolavoro piccolo e ingiustamente trascurato, dimenticato, sottovalutato. Una forma breve ed essenziale di esercizio e allenamento per i suoi successi ampiamente acclamati, nonostante la materia minore e alcuni difetti minori che catturano la maggior parte dell'essenza "fellinesca", probabilmente contenendolo e comprimendolo volentieri. Esistono immagini meno barocche, profondamente simboliche (in un senso filosofico, panteistico, ermetico della parola), lussureggianti e inquietanti, tuttavia in La Strada, Notte di Cabiria o Il Bidone Fellini hanno dimostrato che può girare anche giorno per giorno soggetti in grandi film, senza idealizzare né volgarizzare la realtà, senza usare costosi costumi, scenografie o effetti speciali, naturali ma mai noiosi. Lo stesso vale per questo film: è la storia di cinque giovani che vivono in una piccola città (molto probabilmente la città natale di Fellini, Rimini) nell'Italia del secondo dopoguerra. C'è persino un narratore e ciò che mi ha colpito della prima scena è stata la somiglianza con Scorsese usando la stessa tecnica narrativa in Goodfellas o Casino, al fine di rendere la storia più attuale, credibile e più accessibile allo spettatore, per ottenere meglio nello stato d'animo (non c'è da meravigliarsi se Scorsese adorasse questo film e probabilmente lo usasse anche come fonte di ispirazione). In un tono caldo, tipicamente italiano, in parte poetico, in parte ironico, i cinque sono introdotti in modo tale che lo spettatore gradualmente ottenga il sensazione di aver conosciuto questi personaggi fin dall'infanzia. Sia per colpa loro, ma (probabilmente anche di più) per la mancanza di reali prospettive sociali, culturali ed economiche che la città cupa e antiquata sta fornendo, tutti hanno, nonostante le loro personalità distintive, molto in comune: sono tutti ben adolescenti, biologicamente adulti ma socialmente piuttosto immaturi, mancano tutti di un lavoro permanente a tempo pieno, ma non si vedono come disoccupati, piuttosto bohémien o playboy incuranti, sono tutti un po 'rumorosi, presuntuosi ma innocui ovunque, tutti cercano di sfuggire alla noia totale della città impegnandosi in "un po 'di tutto" (arte amatoriale, piccola criminalità, piccole imprese, relazioni amorose casuali, gioco d'azzardo, feste o così tanto mediterraneo, Rimini) ogni volta che Fellini si immagina da solo , crea un capolavoro, una sorta di mito autoindulgente di Dorian Gray che ottiene il suo valore dall'essere così. Mentre altri registi, anche quelli di successo, sarebbero semplicemente esilaranti ripetere lo stesso tipo di personaggi con nomi e trame diversi, Fellini continua desideriamo sempre di più la sua personalità, ogni pezzo di questo intricato enigma - che si tratti di questo film, La Dolce Vita, 81/2, Amacord o molti altri - fornendo l'eccitazione intellettuale di aver scoperto di più, di aver preso una mentalità favolosa viaggio, senza aver rivelato (o nemmeno voler rivelare completamente) tutto Fellini .. Ci sono anche momenti divertenti e, da un punto di vista comico, la performance di Sordi è la migliore, specialmente nella stravagante e delirante scena di carnevale quando balla vestito da donna alla melodia senza tempo di "Titine" (che ha fatto la storia del film grazie alla performance unica di Chaplin in Modern Times, i gesti di Sordi sulla stessa melodia rivelano anche il suo immenso talento comico, forse è l'omaggio di Fellini a un altro maestro del cinema, nota che mentre Chaplin canta senza parole, ma suggerisce una possibile trama con il suo mimico, la stessa melodia è qui rigorosamente strumentale, accompagnato dallo stile comico dell'umorismo prevalentemente visivo, quasi silenzioso) e, dopo i reparti, sperimenta una sbornia burlesca tra cui una tromba, una testa sovradimensionata e un monologo apparentemente infinito. O, ancora una volta Sordi nella scena quando prende in giro gli uomini lavorare su una strada senza ragioni particolari / infantili. Un'altra scena interessante, ma un po 'tragicomica, mostra un padre patriarcale severo che picchia suo figlio, sebbene suo figlio sia adulto, sposato e con i bambini che mostrano come la vita familiare tradizionale era considerata in passato, non solo nell'Italia cattolica, in una misura che potrebbe sembrare surreale oggi. Oltre ai suoi momenti molto umoristici e alcuni molto belli (ma senza il simbolismo aggrovigliato di solito associato a Fellini, solo immagini pulite, semplici, ma di alta qualità) il messaggio del film è piuttosto serio, persino deprimente nonostante il loro edonismo e immaturità, i Vitelloni espirano una ribollita, quasi James Dean-like contro la società ipocrita, superficiale, di mentalità ristretta degli anni 'XNUMX, tuttavia mancano del coraggio / della volontà di esprimerla o non ne sono nemmeno consapevoli. Nei suoi film successivi Fellini analizzerà ripetutamente la sua complessa relazione sia con la società che con se stesso, tuttavia questo film non è sicuramente un fallimento nel suo sforzo di comprendere questa relazione, solo un'anticipazione di opere cinematografiche probabilmente ancora più gratificanti.
data di revisione 02/21/2020
Chapa

Ecco un esempio del perché questo film - ammirato da Kubrick e Scorsese e dopo aver seguito cinque giovani deadbeat in una piccola città italiana - è fantastico.

Uno dei nostri protagonisti, Fausto, è ferocemente rimproverato dal padre severo. La fidanzata di Fausto (una specie di) è incinta e il giovane - che si immagina di essere un casanova - deve sposarla per salvare il suo onore (e quello della sua stessa famiglia). Umiliato, lascia la casa e trova i suoi amici che lo aspettano nella strada buia fuori. Hanno sentito tutto e stanno lì a guardarlo, tutti imbarazzati e comprensivi ... e improvvisamente scoppiarono in una risata colossale.

Non importa quanto realistici, la maggior parte dei film ha una certa qualità convenzionale, messa in scena per loro; pochi riescono a ritrarre piccoli momenti vividi come il pezzettino di schadenfreude di cui ho parlato sopra, o come altre scene che mostrano come le feste tristi si fanno tardi la sera, quanto può essere inquietante un incontro con uno sconosciuto quasi, quanto risentimento ribolle sotto la superficie anche tra amici. Ognuno dei cinque eroi alla fine affronta problemi e umiliazioni, un sottotono più scuro che mostra attraverso le fessure della facciata leggera.

Con una scena iconica con un giovane Alberto Sordi che gesticolano in modo osceno a un gruppo di lavoratori della strada prima che la sua auto sbuffi e si fermi accanto a loro, con suo sgomento terrorizzato.

9 / 10
data di revisione 02/21/2020
Romanas

Ho interpretato "I Vitelloni" di Federico Fellini come un'allusione all'Italia in generale dopo la seconda guerra mondiale. Proprio come ciascuno dei personaggi cerca di capire un nuovo percorso nella vita, la Repubblica italiana ora ha dovuto districarsi dallo stigma del fascismo di Mussolini, e quindi andare avanti diventando la società che il mondo conosce oggi. Vedo la relazione di Fausto e Sandra (o la sua mancanza?), Insieme alla vita degli amici di Fausto, principalmente come una finestra su ciò che accade in Italia durante l'era postbellica. Si potrebbe dire che la scena finale rappresenti un completo abbandono di quello che era l'Italia.

Certo, questa è solo la mia interpretazione; Potrei sbagliarmi totalmente. Ma qualunque sia il vero senso del film, non puoi negare il magnifico lavoro che Fellini ha diretto. Chiaramente "La strada" era proprio dietro l'angolo. Dovrei dire che questo non è particolarmente bizzarro nella vena di "Satyricon" o "Roma", ma non è necessario. Fellini ha realizzato un capolavoro senza tempo e merita il maggior riconoscimento possibile.

E sì, Riccardo Fellini è il fratello del regista. Si assomigliano.
data di revisione 02/21/2020
Lovering
'I Vitelloni' è una delle opere chiave della carriera del leggendario regista italiano Federico Fellini; stabilendo il suo stile iniziale e l'attenzione ai dettagli del personaggio, ispirando allo stesso tempo la portata e il tono dei suoi film successivi, Nights Of Cabiria e Amarcord. È anche una delle opere chiave del movimento neorealista italiano, che ci offre un ritratto senza pretese e, in una certa misura, comprensivo della classe operaia italiana, con la severa cinematografia in bianco e nero che riesce a trovare un senso di poesia e pathos in le vite di queste anime erranti.

Il film sembra un anacronismo rispetto ad alcuni dei suoi progetti successivi del regista, con "I Vitelloni" che sfrutta al massimo le sue statiche prospettive quasi da documentario e scene persistenti di conversazioni silenziose ... un mondo lontano dal carnevale grottesche in film come Satyricon o Casanova. Ci sono alcuni suggerimenti sullo stile che si svilupperebbero, in particolare nell'uso della composizione, del personaggio e del tema generale, ma per la maggior parte, questo è Fellini che trova i suoi piedi. La rappresentazione della vecchia città di mare qui non mostra alcuna relazione con la vistosa fabbricazione Technicolor di Amarcord, sebbene sia certamente resa con amore; con Fellini che offre empatia e compassione ai suoi personaggi che, come Mastroianni nei suoi film più celebri, si presentano per lo più pigri, spietati, arroganti e sciovinisti. Nonostante questi difetti del personaggio, Fellini è ancora in grado di farci capire questi personaggi e provare compassione nei loro confronti. Coinvolgendoci, come pubblico, nella loro vita quotidiana, nelle conversazioni, nelle relazioni e nei desideri più profondi, ci sentiamo quasi iniziati all'interno del gruppo e alla fine restiamo affascinati dal loro fascino pigro e senza direzione.

Il film è molto divertente, cattura lo spirito dei suoi personaggi e colpisce qualcosa di un accordo in ognuno di noi che abbia mai avuto la sensazione che la vita e la giovinezza ci stessero lentamente passando. Non è affatto un film autocommiserante, nonostante l'amarezza e il senso di sconfitta così prevalenti nella maggior parte dei personaggi, c'è ancora molto calore e umorismo per loro ... È un film agrodolce quindi, per certi aspetti; il dare è la rappresentazione finale della vibrante gioventù di una piccola città che si sta lentamente trasformando nel tipo di vecchi personaggi sgarbati che si trovano in ogni piccola città del mondo. A questo proposito ha evidenti parallelismi con film come Diner, The Big Chill, Days Of Being Wild, Mean Streets e Spetters, che presentano una rappresentazione simile dell'età adulta senza scopo che avanza su una gioventù sprecata (... mentre la rappresentazione della città e i sentimenti dei personaggi mi ricordano la canzone di Morrissey, Everyday Is Like Sunday, con la location principale che sembra molto simile a "la città costiera che si sono dimenticati di chiudere !!").

"I Vitelloni" è un film inebriante ... uno da guardare al meglio durante un pomeriggio piovoso in cui è possibile immedesimarsi nel modo migliore con i personaggi e il loro decente senza meta nel lato più oscuro della vita. La creazione dei personaggi è perfettamente osservata, mentre la rappresentazione della città ci dà una evocazione di un certo tempo, luogo, atmosfera e senso generale di emozione. La direzione è forte e ci mostra un barlume dello stile che andrebbe alla creazione di film iconici come La Dolce Vita e 8 ½, il che significa che questo potrebbe facilmente essere il posto migliore da cui iniziare per i nuovi film di Federico Fellini.
data di revisione 02/21/2020
Defant Torongeau

Messo ingiustamente sul sedile posteriore della straordinaria carriera di Federico Fellini, I Vitelloni è una storia relativamente semplicistica di trentacinque fannulloni in una piccola città italiana degli anni '30. Sebbene non si distingua da opere come La Dolce Vita (1950) o 1960 8/1 (2), questo mostra un lato diverso rispetto al famoso approccio della tenda da circo di Fellini, che coinvolge la sensibilità neo-realista per formare un po 'desolante, ma comunque divertente film autobiografico. Mentre Amarcord (1963) era una rappresentazione più diretta dei ricordi d'infanzia di Fellini, I Vitelloni sembra essere basato su persone che ha osservato, probabilmente durante la crescita, che, come lui, ha cercato di uscire dalla vita di una piccola città. Amarcord è stato un dolce omaggio alla sua città natale, ma I Vitelloni mostra cosa può fare questo tipo di vita a una generazione nata da genitori sacrificali.

I Vitelloni (tradotti come "i ragazzi") sono costituiti da Moraldo (Franco Interlenghi), un giovane silenzioso e attento; Fausto (Franco Fabrizi), un bel playboy; Alberto (Alberto Sordi), un sognatore ad occhi aperti insoddisfatto della relazione di sua sorella con un uomo sposato; e Leopoldo (Leopoldo Trieste), lo scrittore che ospita i sogni di scrivere opere adorate dalla critica. Dopo che Fausto ha messo incinta la sorella di Moraldo, Sandra (Leonora Ruffo), pensa a saltare la città, ma ne viene fuori. Ha invece sposato Sandra, ma continua a perseguire donne, single o prese, o anche se sono sposate con il suo capo. Con l'avvicinarsi del carnevale, assistiamo al gruppo che fa del suo meglio per fare il meno possibile. Sognano tutti di fuggire dalla città, ma non fanno nulla per evitarlo. Invece, bevono, giocano d'azzardo e inseguono le donne.

Fellini non ha disprezzo per questi personaggi, ma li mostra per quello che sono. Vedono i loro genitori e nonni, vecchi e apparentemente miserabili, e vedono ciò che il loro sacrificio ha portato loro. Quindi, naturalmente, si ribellano. Fausto è senza dubbio un personaggio disgustoso, arrivando persino a lasciare un cinema a metà del film, dove è con sua moglie, per inseguire una bella donna. Ma nonostante tutti i suoi difetti, riesce ancora a raccogliere simpatia. Sembra che semplicemente non riesca a fermarsi, bloccato in una vita in cui non appartiene, ma è l'unico responsabile. Eppure, nonostante tutte le sue complessità, non puoi fare a meno di sentirti sollevato quando gli viene data la sua disponibilità da suo padre. È una giustapposizione intelligente delle generazioni e sebbene la società produrrà sempre una "generazione X", a volte è necessario un buon schiaffo in faccia.

Sebbene Fellini rimanga in qualche modo riservato per la maggior parte del film, scegliendo una macchina fotografica ferma e controllata, si allontana dall'approccio neo-realismo a metà strada per una scena in cui il carnevale arriva in città, con il suono di un ubriaco solitario trombettista che corre in un cerchio che urla in una sala da ballo abbandonata, mentre il catatonico Alberto barcolla fuori. È lo stile con cui esploderà negli anni successivi, mentre gigantesche teste di cartapesta spuntano tra i frequentatori di feste sudati. Aiuta a contrastare la serietà dei temi del film, forse anche sottilmente aumentandolo, ma è il sentimento finale toccante del film che rimarrà con te, mentre un treno trasporta uno dei Vitelloni fuori città. Se tornerà, o se alla fine gli permetterà di essere felice, non lo sappiamo, e questa è una tragica affermazione se ce ne fosse mai stata una.

www.the-wrath-of-blog.blogspot.com
data di revisione 02/21/2020
Trefor Turro
È stata una sorpresa totale trovare questo film su un canale via cavo di recente. Non vedendolo da un po 'di tempo, decidemmo di guardarlo di nuovo. "I vitelloni" è uno dei classici di Fellini che si possono vedere di volta in volta e trovare ancora nuove cose. Questo è stato il terzo lavoro di regista di Federico Fellini, anche se il suo legame con il cinema italiano è molto antico, perché non dimentichiamo che ha avuto una gloriosa carriera come sceneggiatore per artisti del calibro di Roberto Rosellini, Pietro Germi e Alberto Lattuada, tra gli altri.

Lo stile dominante di quell'epoca era il neorealismo, che si riflette nel modo in cui Fellini ha affrontato la storia centrale. Quel movimento ha liberato i registi dalle riprese in uno studio, poiché la maggior parte dei loro film sono stati girati in luoghi reali. All'epoca l'Italia stava attraversando un periodo terribile dopo la loro sconfitta durante la seconda guerra mondiale. La disoccupazione dilagava, cosa che è facile da capire nel modo in cui "I vitelloni" sono stati coinvolti nella risoluzione dei problemi.

Siamo portati in una piccola città dove un gruppo di cinque giovani uomini cerca di passare il loro tempo in quanto non sono disponibili posti di lavoro. C'è Fausto, il bell'uomo che ha impregnato la sua ragazza ed è tenuto dall'onore di sposare Sandra. Leopoldo, un aspirante drammaturgo, vive in un mondo fantastico, innamorato della domestica della casa accanto. Alberto, fa affidamento su sua sorella Giulia, che lavora nel giornale locale, per paghetta. Infine, Riccardo, sembra essere il membro più radicato della banda, va avanti per il divertimento che stanno insieme. Moraldo, che diventa il cognato di Fausto, funge da coscienza di questi uomini senza meta; è l'unico che ha il coraggio di lasciare la cittadina.

Fellini ha collaborato a questo film con Tulio Pinelli, un genio a sé stante, e Ennio Flaiano, per creare una storia che fosse rilevante in quanto descriveva i tempi in cui il loro paese viveva. Fellini è stato benedetto dal fatto che ha lavorato nel momento in cui poteva contare su qualcuno del calibro di Nino Rota per lavorare alla colonna sonora che serve la sua foto in modi inaspettati. La cinematografia è stata condivisa da tre dei principali cameraman italiani, Carlo Carlini, Otello Martelli e Luciano Trasatti; conquistarono la città proprio come probabilmente Fellini voleva che sembrasse.

La recitazione è dominata da Franco Fabrizi che interpreta Fausto. Con il suo bell'aspetto, è facile vederlo come l'uomo vanitoso che voleva soddisfare i suoi desideri in qualunque modo potesse. Leopoldo Trieste impressiona con il suo 'Poldo, una figura patetica che vive con la testa tra le nuvole. Alberto Sordi, che aveva lavorato con Fellini in "The White Sheik", ha una piccola parte come Alberto. La sua scena al ballo di carnevale quando si veste da donna, va da divertente a tragica mentre incontra sua sorella che ha deciso di scappare con il suo amante. Franco Interlenghi ottiene il massimo dal suo Moraldo.

"I vitelloni" è altamente raccomandato a tutti gli appassionati degli anni d'oro del cinema italiano, e in particolare agli ammiratori di Federico Fellini che non rimarranno delusi da questo capolavoro minore.

Lascia una valutazione per I Vitelloni