Homepage > Drama > Blu Jasmine Valutazione

Blu Jasmine (2013)

Originaler Titel: Blue Jasmine
IMDB 7.3
Premiato
12
Bene
3
Media
4
Male
2
Terribile
2
data di revisione 02/21/2020
Sachsse Shadhana

Ho adorato la sceneggiatura, ho adorato il cast, ho adorato tutte le esibizioni, ma caro Dio, Cate Blanchett era così incredibile che non riuscivo a riprendere fiato. Che spettacolo! Così tante emozioni allo stesso tempo, così multi-strato, sottile e tuttavia insopportabile ... Prende un personaggio a cui normalmente non le piacerebbe davvero dove finisce per qualcuno, che nonostante i suoi tragici e ripetuti errori e il fatto che ha fatto il suo letto, ti mandi a preoccuparti, finisci per capirla.

Blanchett ha corso un enorme rischio con quel ruolo che ha rivelato emotivamente e si è dimostrata padrone e comandante. Se qualunque altra attrice avesse recitato in quel ruolo, non sarebbe nemmeno la metà. Il suo background teatrale e la sua esperienza sono tutti concentrati in Jasmine. Straziante, potente e assolutamente vulnerabile allo stesso tempo, crudele ma allo stesso tempo premuroso a modo suo ...

È la performance del decennio per me e uno dei migliori di tutti i tempi, una vera masterclass.

E come Letterman ha detto a Blanchett quando era ospite del suo show (non proprio un suo fan ma quello che ha detto era del tutto vero), anche se avesse diretto il film invece di Allen, il risultato sarebbe stato comunque un capolavoro a causa di Cate.
data di revisione 02/21/2020
Zampardi Knoeppel

Che meraviglia! Cate Blanchett offre una straordinaria interpretazione di un personaggio simile a Blanche, scritto e diretto dall'autore americano più prolifico degli ultimi 40 anni. Cate sembra essere un'attrice senza confini emotivi. Jasmine cammina su una corda molto stretta, il suo senso di disperazione inciso nella sua magnifica faccia svanisce ipso facto quando incontra Peter Sarsgaard. Si rende conto in una sorta di incredulità - momento straordinario, straziante e orribilmente divertente - che potrebbe essere la zattera di salvataggio nel suo personale tsunami. Sally Hawkins, un altro colpo di genio nel reparto casting, è una creatura profondamente umana, la Stella della situazione. Queste due sorelle, adottate da genitori diversi, provengono anche da universi diversi, seppur immediatamente riconoscibili. Potrei andare avanti all'infinito, ma non lo farò, volevo solo esortarti, in questi tempi di sequel marvel super rumorosi, a correre e vederlo.
data di revisione 02/21/2020
Christan

A volte sembra che Woody Allen sia deliberatamente incostante. Ogni altro film sembra essere un vincitore, quindi è facile saltare solo quelli mediocri. Pensavo che Midnight In Paris fosse abbastanza buono, ma mi sembrava che la sua idea non fosse stata esplorata abbastanza bene e fosse diventata troppo ripetitiva. Blue Jasmine è un film che sembra inizialmente una storia di base, poi man mano che la tragedia si svela lentamente, diventa ancora più affascinante. All'inizio la struttura del flashback senza transizione del film è un po 'frustrante in quanto il presente non ti dà molto da mordere in primo luogo, ma diventa presto chiaro che questo era l'unico modo per raccontare questa storia brillante e complessa di il posto di una donna nel mondo. Cate Blanchett sta dando fuoco alle recensioni e sicuramente se lo merita. Ho sempre amato il suo avvincente stile teatrale in film come The Aviator e The Curious Case di Benjamin Button e da allora mi manca.

Qui è in piena forza mentre passa dal glamour al bagliore senza soluzione di continuità e senza sforzo. Blanchett ha spesso interpretato donne forti e punta in punta di piedi la forza e la vulnerabilità di Jasmine sia con che senza simpatia. È incredibile da guardare. Anche se ero preoccupato che avrei apprezzato solo la performance e non mi collegassi con il personaggio, ho finito per trovare la sua lotta per sentirsi utile nel mondo del lavoro e non sapendo come realizzare le sue ambizioni per penetrare profondamente nel primo mondo delle ansie umane circa identità e autostima. È bello avere un film che affronti tali questioni in modo così serio, senza provare autocommiserazione. Anche se i riflettori sono puntati su di lei, c'è un sacco di spazio per i giocatori di supporto per brillare con le deliziose esibizioni in rilievo comico di Louis CK, Michael Stuhlberg e Max Casella e le esibizioni ingannevolmente affascinanti di Alec Baldwin, Andrew Dice Clay e Peter Sarsgaard. Il vero talento sul lato appartiene a Sally Hawkins e Bobby Cannavale che offrono spettacoli avvincenti e strazianti.

Mi piace come Allen abbia tanta fiducia nel suo stile di ripresa di semplici larghezze e primi piani da non lasciarlo intralciare la storia, ma a volte sembra insipido piuttosto che solo il marchio di Woody. A volte sembra che la storia stia prendendo grandi tratti poco interessanti con i suoi archetipi ma quando i dettagli arrivano come un romanzo giallo, arricchiscono la storia e se ne vanno appena prima di annegarti facendoti desiderare di più. Forse Allen avrebbe potuto fare un lavoro migliore nel rendermi incuriosito dai dettagli, ma ciò rende i pagamenti ancora più dolci. Tuttavia, non sono sicuro di cosa pensare del finale, forse Allen sta cercando di dire che ci sono alcune persone che possono e non possono essere risolte, non ne sono sicuro, ma è comunque un affascinante fumetto tragico. Forse è inteso come un film di punizione riguardante il peccato dell'avidità. Ciò avrebbe senso anche se non sarebbe altrettanto soddisfacente. È stato paragonato molto ad A Streetcar Named Desire, ma non ricordo molto di quella storia nonostante l'avessi vista due volte. Penso di preferire Blue Jasmine. Uno dei film dei pesi massimi più ignari di Allen da molto tempo.

8 / 10
data di revisione 02/21/2020
Adabel

Cate Blanchett offre la migliore interpretazione di tutti i tempi. Il suo personaggio cambia radicalmente ogni scena. Secondo me ci saranno nomination in futuro per CB. Woody Allen si punk con l'angolatura francese. Andrew Dice Clay è stato spettacolare. Sally Hawkins ha rubato molte scene in questo film.

Questo film è stato un commento sulla ghiottoneria di Wall Street &; Finanza ... su molti livelli.

Ha inoltre sottolineato la disperazione delle persone che soffrono di problemi di salute mentale.

Consiglio di vedere Blue Jasmine. Non rimarrete delusi.
data di revisione 02/21/2020
Elazaro Santee

Non sono mai stato interessato a nessun film di Woody Allen in passato, ma nel corso dell'ultimo anno o giù di lì, mi sono progressivamente interessato ai suoi film e sono contento perché in realtà è un genio del cinema, come risulta da questo film, Blue Jasmine. Blue Jasmine offre un giro sulle montagne russe di emozioni dalla commedia leggera al deprimente. Woody offre il suo distinto stile di dialogo nella sua sceneggiatura ed è messo a frutto da Cate Blanchett, che offre una delle sue migliori performance in carriera.

Il film di Woody Allen parla di una donna di nome Jasmine che era abbastanza ricca socialite a Manhattan sposata con un ricco uomo d'affari di nome Hal. Quando Hal viene arrestata per truffa, Jasmine perde casa e ricchezza ed è costretta a trasferirsi a San Francisco per trasferirsi con sua sorella, Ginger. Da lì, vediamo le emozioni che attraversa Jasmine mentre sta attraversando un momento difficile.

Come detto prima, Cate Blanchett potrebbe aver dato la sua migliore prestazione e questa è un'impresa difficile. La sua emozione è così cruda e il suo dolore è così reale e anche se non mi importa delle persone con il suo tipo di atteggiamento snob, non potrei fare a meno di sentirmi un po 'dispiaciuto per lei. Alec Baldwin fa un buon lavoro come Hal, l'uomo con i soldi e gli affari. Sally Hawkins offre una prestazione abbastanza simile a Ginger, che soffre di problemi propri. Alla fine, Bobby Cannavale fa un ottimo lavoro come fidanzato di Ginger che mette in chiaro la sua sfiducia per Jasmine.

Nel complesso, Blue Jasmine è un film eccellente, ma non sono sicuro che essere etichettato come una commedia funzionerebbe a suo favore. Il film è troppo deprimente a volte. Mi è stato anche ricordato lo scandalo Bernie Madoff qui e Jasmine sembra trasmettere le emozioni che la moglie di Madoff deve aver attraversato. Questo è un film ben recitato e ben scritto che tocca il tema dei cambiamenti che cambiano la vita e i loro effetti. Considero questo film il 9/10.
data di revisione 02/21/2020
Almira

Il miglior Woody realizzato negli anni, un tour de force di Cate Blanchett e un grande supporto da parte di Sally Hawkins e di tutto il cast. Per chi ama 'Streetcar' questo è un omaggio furbo e abile, che aggiorna alcuni fili per la vita del 21 ° secolo mentre solleva altre scene quasi direttamente dal classico degli anni '1950 di Elia Kazan. Fortunatamente il pestaggio della moglie è nel passato, ma Augie (Andrew Dice Clay) è comunque la nemesi di Jasmine, una presenza meditabonda e portatrice di sventura per il socialite di New York la cui vita si sta svolgendo davanti a noi. Di solito non vado in modo udibile a teatro, ma alcune scene sono così crude e incurvate che non potrei evitarlo, oscilli costantemente tra risate e lacrime.
data di revisione 02/21/2020
Ludlow Delapp

Uno dei film migliori che Woody Allen ha prodotto negli ultimi anni, con prestazioni superiori di Cate Blanchett nei panni di una donna emotivamente instabile costretta a scendere dal suo passato privilegiato e Sally Hawkins come sua sorella abilitante a basso reddito. La sceneggiatura di Allen è spesso divertente anche se a volte serpeggia (ho guardato il mio orologio più di una volta durante la proiezione a cui ho partecipato) e la sua storia sembra a disagio che ricorda "A Streetcar Named Desire" con Blanchett nel ruolo di Blanche DuBois, Sally Hawkins come Stella , Peter Sarsgaard come Mitch e Bobby Cannavale come Stanley Kowalski. Manca il potere drammatico e la tensione sessuale del capolavoro del Tennessee Williams e, alla fine, la raffinatezza urbana di Allen non lo compensa.

Negli ultimi anni c'è la tendenza a lodare eccessivamente Allen o ridurlo a brandelli. Non penso che questo film meriti nessuno dei due destini, essendo una commedia / dramma piacevolmente deviante se a volte pretenzioso e derivato. Potrebbe non appartenere al pantheon dei grandi film di Woody Allen come "Annie Hall" o "Manhattan", ma non è nemmeno "Maledizione dello scorpione di giada" o "Celebrità". Se non avesse il marchio Woody Allen, sospetto che sarebbe rapidamente arrivato senza preavviso come un dramma indipendente abbastanza ben fatto con una bella recitazione che ha alcune sequenze avvincenti mentre alla fine era un po 'noioso . A causa della reputazione duratura di Allen, probabilmente prenderà una o due nomination all'Oscar (per la performance di Blanchett e per la sceneggiatura discutibilmente "originale" di Allen) perché il nome di Allen porta ancora cache con gli arbitri del gusto. Aveva troppi tratti noiosi e scambi ridondanti per quel tipo di attenzione per i miei soldi, ma i suoi punti più alti mi facevano sentire che c'erano modi peggiori per passare un'ora e mezza.
data di revisione 02/21/2020
Milon Metier

La donna parla incessantemente all'anziana signora accanto a lei: sull'aereo, all'aeroporto, in attesa del loro bagaglio. Solo quando suo marito la raccoglie, è in grado di liberarsi dal flusso incessante di parole. Comincia così Blue Jasmine, l'ultimo film di Woody Allen. Termina con la stessa donna seduta su una panchina del parco, a parlare di nuovo. La signora seduta accanto a lei si alza e se ne va, l'oratore non se ne accorge nemmeno. In queste due scene - così simili eppure così diverse - Allen incornicia la sua storia di Jasmine il cui vero nome è Jeanette. Una donna che, sposata con un ricco imprenditore finanziario, una volta era al centro dell'alta società di New York City. Ora deve trasferirsi a San Francisco, per vivere con la sorella disprezzata. Quando sono state scoperte le attività criminali di suo marito e successivamente si è impiccato nella sua cella, ha perso tutto: i suoi gioielli, i suoi soldi, i suoi piedi, il suo equilibrio mentale. Questa è la presa di Woody Allen sulla crisi finanziaria, i banchieri sfuggiti al controllo, i Bernie Madoff di questo mondo.

Guarda gli effetti su qualcuno che una volta ha tratto profitto dagli schemi fraudolenti e poi è caduto in disgrazia, uno che ha così interiorizzato il mondo artificiale in cui ha scelto di vivere che ora non può lasciarlo. Per quanto ci provi, non può tornare alla realtà, passando da fughe a occhi aperti al passato a vuote illusioni sul suo futuro, incapace di cogliere le necessità della vita che deve ora vivere. Blue Jasmine racconta la storia di ciò che accade quando si vive in un mondo falso e si viene gettati nel mondo reale. È la tragedia di una donna catturata nel suo sogno, una che non può più rinunciare. È la vittima che fa fatica a provare compassione, la vincitrice che perde tutto mentre continua a credere che tutti gli altri le perdano.

Cate Blanchett è Jasmine e lei dà la performance più forte fino ad oggi in una carriera piena di esibizioni memorabili. Interpreta Jasmine tra isteria e disperazione e pianifica lentamente la sua sottile discesa dalla tensione nervosa esagerata a uno stupore indotto ugualmente dall'alcol, dalle droghe da prescrizione, dalle auto-delusioni e da un completo fallimento nel fare i conti con la realtà. È al verde, ma vola in prima classe, si trasferisce con sua sorella che fa la spesa in un negozio locale, ma viaggia con le valigie di Louis Vuitton - nulla di tutto ciò è una contraddizione nella sua mente. Blanchett è spettacolare nel modo radicale con cui si fonde con il suo personaggio decostruttore e dissolvente. Porta il film con i tentativi impotenti di dignità dei suoi personaggi, la sua ridicola pretesa, la perdita di qualsiasi presa nella sua vita e nella sua mente. Sally Hawkins come sua sorella è una controparte meravigliosa: con i piedi per terra, ma piena dello stesso desiderio di avere una vita migliore, la stessa insoddisfazione per ciò che ha. Ma mentre accetta di accettare ciò che ha, non importa quanto poco possa essere. Jasmine non può.

Allen si muove avanti e indietro tra il presente e i flashback del passato, spesso causati da un ricordo improvviso o dall'argomento di una conversazione. Stranamente, sono quelle scene passate che sembrano più reali. Mentre il presente triste è inondato da una pallida, vaga luce solare, che gli conferisce una sensazione leggermente irreale, da sogno, corrispondente bene alla nostalgica colonna sonora jazz che Allen ha scelto, i ricordi sembrano più nitidi, più concreti, più plausibili. Ciò riflette la percezione di Jasmine: per lei il falso è il vero e il vero incubo da cui deve svegliarsi. E sembra che potrebbe: l'amore entra, un'occasione per riprendere la vita che aveva una volta e per un breve periodo, la vecchia socialite ritorna, la facciata, sebbene un po 'screpolata, è levigata e sembra nuova come nuova. Ma tutto cade di nuovo a pezzi e la notte scende su Jasmine.

Blue Jasmine è il primo dramma di Woody Allen da molto tempo. Sebbene a volte permetta al suo ritratto di Jasmine di toccare la caricatura, il film rimane troppo vicino alla sua disperazione esistenziale per consentire risate catartiche. Invece il film, nonostante il personaggio del titolo essenzialmente non gradito, è una storia toccante sull'illusione di coloro che credono nel falso, che costruiscono la loro vita sui sogni e sull'autoinganno, che inventano una vita così a fondo da arrivare a crederci . E mostra una società costruita sul principio del far credere - e la volontà di molti di sfidare la logica per la cieca fede nel dio del denaro. Sì, alcuni dei colpi di scena sono un po 'non plausibili, sì, il contrasto tra i ricchi falsi e i poveri di buon cuore, è un po' semplicistico, ma nel complesso Blue Jasmine è uno studio del tutto convincente della dissoluzione di un sé, portato avanti da una regia focalizzata e una recitazione che è eccezionale oltre ogni immaginazione, rendendo questo film più forte di Woody Allen da molto tempo.

http://stagescreen.wordpress.com/
data di revisione 02/21/2020
Bevus Curtisiii

è un bel film ma non è il migliore di Allen ... non ha la complessità di "Melinda And Melina" né la profondità drammatica di Annie Hall ... ma con grandi attrici come Cate Blanchett tutto è meglio ... è ispirato nel "Madoff Asunto", ma la mancanza di profondità della storia ha sprecato quello che avrebbe potuto essere un buon thriller psicologico ... è sprecato per un grande attore come Alec Baldwin che gli concede solo apparizioni fugaci e sembra che i film di Allen, mentre la sceneggiatura meno ricca sono più colorata è la fotografia da compensare (ricordo Manhattan in bianco e nero o l'opacità di Annie Hall che non ha minato l'eccellente sceneggiatura) Le mie ultime parole: devi vederlo perché è Woody ... è accettabile ... ed è può godere della bellezza di Cate Blanchett
data di revisione 02/21/2020
Ruffin Mcclay

Questo non è un film divertente. Ho potuto apprezzare la prestazione davvero eccezionale di Cate Blanchette ma dopo un po 'ho sperato che ci sarebbe stato qualcos'altro. È ovviamente una moralità che parla della sezione della società di New York che è superficiale, materialista e insensibile, ma abbiamo ricevuto questo messaggio e tutto su Jasmine abbastanza rapidamente. Non c'era nient'altro - ecco. Mentre continuavamo a seguire il suo percorso discendente, mi aspettavo il raggio di luce sul futuro. Invece abbiamo avuto una descrizione più dettagliata del passato, anche se ci aveva già detto tutto quello che c'era da sapere sulla sua storia. Non c'è mai stato segno che il penny fosse caduto su ciò che era veramente importante nella vita. Tutto ciò che abbiamo mai avuto è stato un'indicazione che le cose sarebbero andate ancora peggio senza nemmeno un accenno di redenzione. Deprimente Quando danno l'Oscar posso dire di averlo visto, ma è una piccola consolazione.
data di revisione 02/21/2020
Corey

Kate Blanchett merita la migliore attrice per la sua interpretazione in Blue Jasmine.

Che film fantastico! Ma ancora di più, che straordinaria attrice Kate Blanchett è! Dico sempre, i grandi attori non recitano, sono solo il ruolo. Se un attore deve entrare nel personaggio, avrebbe dovuto fare qualcos'altro con la propria vita. Poiché Kate Blanchett non recita, lei è solo il personaggio. Fa semplicemente un passo nel ruolo che interpreta. Lo fa sembrare facile, anche quando interpreta qualcuno che sta perdendo la testa. Tuttavia, per quanto sia stato difficile per me e mia moglie vedere quel ruolo che interpretava, sono contento di aver visto il film. WOW!! La cosa più vicina che posso ricordare a questa performance e trama, è stato il famoso film "Frances" interpretato, ovviamente, [anche] dalla grande Jessica Lange. Questo è un altro film da vedere! Molto intenso. Ma davvero, devi prenderti per vedere questo film. Adoro Kate Blanchett! Naturalmente è bella, talentuosa, magica e soprattutto non ha assolutamente ego. Si lancia nel ruolo e, se necessario, grovel ed esibisce il dolore dell'uomo comune (donna) che ha attraversato le tragedie della vita che purtroppo sono così comuni con la persona media di oggi.

Alla fine del film ho detto a mia moglie "La recitazione di Kate mi ricorda Gollum" in quella famosa scena alla fine di Il Signore degli Anelli: Le due torri, dove Gollum è nella foresta e le sue molteplici personalità si mostrano mentre lotta per decidere al meglio il destino delle sue controparti Hobbit e recuperare quell'anello sfuggente. Direi sicuramente che i personaggi di Kate Blanchett sono contorti quanto Gollum, eppure ha ancora dentro di sé qualcosa che è ancora degno di redenzione. Come disse Frodo "Lo compatisco Sam. Non potevo uccidere Sméagol, perché vedo ancora bene in lui" - parafrasando male.

E così è con Jasmine, essendosi persa nel mondo del materialismo e del denaro degli altri, avendo toccato il fondo, può salvare ciò che resta della sua anima e trovare l'umanità che ha perso.

Questo film ti farà davvero pensare.

Kate Blanchett è una grande benedizione per l'industria cinematografica e per il mondo.

Merita davvero la migliore attrice negli Oscar 2014.
data di revisione 02/21/2020
Shore

L'ex socialite Jasmine (Cate Blanchett) viaggia da New York a San Francisco per stare nella semplice casa della sua sorellastra Ginger (Sally Hawkins) che vive con i suoi due figli. Jasmine era sposata con l'uomo d'affari di successo Hal (Alec Baldwyn) che si sentiva in disgrazia per essere stato considerato un imbroglione e si è suicidato in prigione. Jasmine è completamente distrutta e mentalmente instabile con il ricordo della sua precedente vita sociale e usa anti-depressivi durante il giorno.

Jasmine non approva il fidanzato di Ginger Chili (Bobby Cannavale) che considera un perdente, la stessa sensazione che aveva con l'ex marito di Ginger Augie (Andrew Dice Clay). Jasmine non ha alcuna professione per lavorare e sostenere se stessa e accetta la posizione di receptionist nella clinica di un dentista. Quando Jasmine è invitata a una festa, chiede a Ginger di accompagnarla. Ginger incontra l'ingegnere del suono Al (Lluis CK) che crede sia una cattura migliore di Chili. Nel frattempo la cercatrice d'oro Jasmine incontra il diplomatico Dwight (Peter Sarsgaard) e crede che avanzerà nella sua posizione sociale.

"Blue Jasmine" è un film di Woody Allen con una storia di illusioni su una donna che non vuole vedere e accettare la realtà e le conseguenze del suo atteggiamento in un momento di collera. Cate Blanchett ha una buona interpretazione nel ruolo di una donna alla moda dell'alta società che perde tutto e ha bisogno di vivere nella casa della sua sorellastra della classe operaia. La trama utilizza i flashback per mostrare la vita di Jasmine e ha un punto di trama alla fine quando viene spiegata la caduta di Hal. Il mio voto è di otto.

Titolo (Brasile): "Blue Jasmine"
data di revisione 02/21/2020
Allissa

Saluti dalla Lituania.

Che film fantastico questo è. Davvero, uno dei migliori film del 2013 e il miglior film di W.Allen da "Match Point". La sceneggiatura e la recitazione sono semplicemente geniali: che gioia vedere i grandi attori fare del loro meglio, e credetemi, quando si tratta del "migliore", dopo aver assistito all'esibizione di Cate Blanchett, vedrete il meglio. Non è un personaggio, è una persona vivente, e che triste cosa vivente è, catturata in una situazione estremamente brutta. Davvero, sono stato stupito dal vincitore della migliore donna leader di quest'anno, basta confrontarlo con la "migliore" performance degli ultimi anni, e capirai cosa intendo. Se ti piacciono le foto di W.Allen, prendi questa al più presto, non è certo meglio di così.
data di revisione 02/21/2020
Norby Stadheim

Woody potrebbe essere stato una volta un comico, ma ora ha prodotto uno dei film più deprimenti da anni. Perfino Cate Blanchett non può salvare questo studio derivato, oscuro e inutile nella fusione moderna alla Bernie Madoff. Fa anche il peccato cardinale finale della moderna produzione cinematografica; lasciando che la geografia contraddica completamente l'azione e il tono del film. Ciò che rimane è un miscuglio emotivo che non lascia mai respirare il pubblico. E l'ultimo problema è che Woody non solo ha perso il senso del luogo, ma i personaggi non funzionano quando la deriva emotiva è tutta in discesa. Woody, San Francisco potrebbe non essere la tua tazza di tè, ma come goccia posteriore, non è New Orleans. Se hai intenzione di fare Streetcar Named Desire, devi essere in grado di mostrare un po 'più di emozione reale, sventura e disperazione realistiche. Questo film è un'idea che non è mai stata elaborata. Perché la vera tragedia qui è il film stesso, non la trama.
data di revisione 02/21/2020
Ziguard
Blue Jasmine è il primo film di Woody Allen (a parte forse Match Point) che non solo non odiavo, ma che amavo da Sweet e Lowdown.

Allen tornò a scuola e riapprese la struttura della trama, lo sviluppo del personaggio e il ritmo. Ridi a crepapelle dal primo momento fino alla fine, con il miglior ensemble di gran lunga (sembravano davvero persone vere e non solo due stelle del cinema che recitavano in un film di Woody Allen!).

Cate Blanchett offre la migliore performance della sua carriera o di chiunque altro da molto tempo (con i miei complimenti alla sua ovvia rubrica, Judy Davis, che incanala meravigliosamente per tutto il tempo).

E Andrew Dice Clay ti farà piangere; così felice di vederlo usato in modo così intelligente. Se lo merita.

Questo spazzerà assolutamente tutti i premi, e per la prima volta in oltre un decennio, l'equipaggio Allen si sarà effettivamente guadagnato !! Non più appoggiato agli allori e battiscopa su "Beh, sì, aveva dei problemi, ma quella parte era davvero divertente / buona ..."

Spero che rimanga negli Stati Uniti Chiaramente gli fa molto bene dopo la sua prolungata vacanza in Euro.
data di revisione 02/21/2020
Fransis Gatto

Jasmine (Cate Blanchett) è una ficcanaso socialite newyorkese che perde tutto quando suo marito Hal (Alec Baldwin) viene imprigionato per frode finanziaria. È costretta a vivere con sua sorella Ginger (Sally Hawkins) della classe inferiore a San Francisco. Erano entrambi adottati ma Jasmine era sempre il favorito. Anche Hal aveva perso i soldi di Ginger e suo marito Augie (Andrew Dice Clay).

Scrivo questo nel bel mezzo della riemersione dei problemi personali di Woody Allen. Questo deve essere trascurato per una recensione del suo film. Comunque, questo è molto più del film di Cate Blanchett. È assolutamente fantastica e merita l'Oscar. Se il tumulto di Woody ha aumentato le sue possibilità, il tempo lo dirà.

Se c'è un possibile miglioramento, è per ottenere più tempo da Sally Hawkins con Cate Blanchett. La loro relazione è dove si trovano i migliori sviluppi del personaggio. I flashback della storia di Jasmine con Hal sono meno convincenti. Conosciamo già gran parte della sua storia passata. Mostrare al pubblico aggiunge molto poco. Tuttavia Jasmine che ha allucinazioni è un ottimo modo per avere quei flashback.
data di revisione 02/22/2020
Merow

Le abilità di Woody Allen finemente sintonizzate per la sceneggiatura e il suo talento nel suscitare clandestinità e spesso performance pluripremiate delle sue protagoniste sono in piena mostra in "Blue Jasmine". Alec Baldwin, il marito lucido di una socialite di mezza età, Cate Blanchett, prende una truffa Bernie-Madoff e finisce in prigione. Le case, le macchine, le pellicce, i gioielli, i mobili vanno tutti ai federali, e la Cate vola senza un soldo di prima classe a San Francisco con i suoi bagagli Louis Vuitton per stare con sua sorella non biologica, Sally Hawkins, fino a quando non arriva di nuovo in piedi. Blanchett, il gelsomino del titolo, è totalmente impreparato alla sua caduta economica. Decide di diventare un designer d'interni, ma vuole studiare online; tuttavia, è analfabeta al computer e deve seguire un corso, prima di poter iniziare a studiare decorazione; ma ha bisogno di soldi per i corsi e fa un lavoro di receptionist con un dentista lascivo. Sebbene il film affronti seri problemi, l'umorismo di Allen provocherà sorrisi e una risatina occasionale, da piccoli momenti ben osservati come i tentativi di pazienti indecisi di prendere appuntamenti dentali.

Comprensibilmente, il Jasmine di Cate Blanchett vacilla sull'orlo di un esaurimento nervoso; giace istintivamente, anche a se stessa; e non può o non dovrà affrontare la realtà della sua mobilità verso il basso. Il ruolo è la vetrina di un'attrice e Blanchett è in ottima forma; i suoi monologhi nervosi e sconclusionati, per se stessa o per estranei riluttanti, forniscono una guida allo studio per aspiranti attori. Jasmine si affanna a sua "sorella", Ginger, interpretata senza sforzo e coinvolgente da Hawkins; si preoccupa del lavoro, dell'amante e degli alloggi di Ginger, fino a quando Ginger indica la situazione ridotta di Jasmine. Jasmine afferma che Ginger può fare meglio del suo amoroso fidanzato, Chili, un carismatico Bobby Cannavale con un brutto taglio di capelli e un tatuaggio sbiadito; alla fine, Ginger le ricorda che la sua scelta di marito era tutt'altro che stellare. Jasmine, Ginger e Chili formano un trio aromatico, i cui nomi forse alludono alle loro personalità, e sono abilmente supportati da Louis CK, un ragazzo eccitato con i colpi per Ginger, e Peter Sarsgaard, un rispettabile diplomatico che cerca una moglie adatta per il suo carriera politica.

In linea con il titolo del film, Woody usa il blues nella colonna sonora e il suo direttore della fotografia, Javier Aguirresrobe, si occupa efficacemente delle due versioni locali di New York e San Francisco. Sebbene i tagli nel tempo stiano inizialmente sconcertando, gli spettatori accontenteranno rapidamente che New York sia il passato e San Francisco il presente. Woody all'età di 78 anni è un grande scrittore, in particolare di personaggi femminili, e "Blue Jasmine" lo trova al suo meglio. Anche se l'umorismo tipico di Woody sfarfalla dappertutto, il film parla essenzialmente di una donna vulnerabile in piedi tra le rovine della sua vita precedente e di fronte a un futuro precario e incerto. Il pubblico può uscire lodando gli artisti, ma canticchiando il blues.
data di revisione 02/22/2020
Hedvah Fertal

quando il film era finito il pubblico era seduto un po 'sbalordito e completamente silenzioso ... era pazzo ... pazzo è la parola letterale da usare.

il personaggio principale è così vivido, triste e reale.

il film è un giro sulle montagne russe di dramma e commedia ... di umorismo imbarazzante e sciocco poi inquietante.

l'uso dei flashback è fatto senza problemi e funziona bene per raccontare la storia di questo personaggio straordinario.

ci sono alcune cose che forse non funzionano qua e là ma l'80% di questo film è cate blanchette ed è davvero perfetta.

a volte è legnoso allen-ish e altre volte ti dimentichi e vieni risucchiato da blanchette.

il resto del cast è fantastico ... l'argilla dei dadi andrew è fantastica in un ruolo molto attenuato, louie ck è eccezionale è una piccola parte ... sally hawkins è eccezionale a modo suo e molto diverso dal suo gelsomino sorella ... bobby carnivale mastica alcuni scenari.

se questo film ti risucchia, avrai difficoltà a dimenticarlo per un po '... ti sta vicino.
data di revisione 02/22/2020
Beisel

Non ho idea di quale film stessero guardando le persone che hanno valutato così bene. Certamente non è stato quello che io e altre duecento persone abbiamo guardato oggi. Ogni conversazione che ho sentito uscire è stata su come la recitazione è stata grandiosa, ma il film è stato terribile. C'erano alcune persone le cui conversazioni non avevo sentito perché avevano lasciato il film presto.

La recitazione, e in particolare quella di Cate Blanchett, è stata eccezionale e l'unica ragione per cui io e mia moglie non ci siamo uniti agli altri partendo presto.

Consentitemi di mettere questo in prospettiva: sono un grande fan di Woody Allen, ma questo film è stato così terribile che sono stato costretto a creare un account su ed esprimere il mio dispiacere.
data di revisione 02/22/2020
Sydelle Jainlett

Blue Jasmine è l'omaggio leggermente velato di Woody Allen a A Streetcar Named Desire con Cate Blanchett nel ruolo di Blanche Dubois e Sally Hawkins nel ruolo di Stella Kowalski. In un furbo miglioramento dell'originale Allen divide il ruolo di Stanley Kowalski tra Andrew Dice Clay e Bobby Carnavale. Cate Blanchett è insuperabile come versione neuroticamente potenziata di tutti i personaggi principali di Woody Allen. Guardarla venire senza gloria è del tutto convincente e totalmente atroce. Confronto con l'opera del Tennessee William mentre inevitabile perdere l'originalità di Allen. Il suo sforzo per affrontare eroicamente il sistema di classe americano non riconosciuto è più vicino a Le Regle du Jeu di Jean Renoir o anche a Beaumarchais. È tornato ai vertici della classe cinematografica!
data di revisione 02/23/2020
Ruberta

Se vuoi vedere la master class di quest'anno nella recitazione cinematografica, devi guardare l'incredibile interpretazione di Cate Blanchett nei panni di Jasmine French, un'illustre moglie socialista di Park Avenue nel 45 ° lavoro di regia di Woody Allen, un subdolo e bicomponente aggiornamento del classico del Tennessee Williams "A Tram chiamato desiderio ". All'inizio del film, il suo personaggio vestito in modo impeccabile ha toccato il fondo dopo che il suo mago finanziario di un marito è stato arrestato e le sue risorse sono state liquidate. In preda a un esaurimento nervoso, arriva a San Francisco e si trasferisce con la sua gentile sorella Ginger che vive una modesta vita da colletti blu in un minuscolo appartamento ai margini della Missione - a South Van Ness vicino alla 14th Street per l'esattezza, con i suoi due figli iperattivi. Si può dire che Jasmine non è solo fuori dal suo elemento, ma piuttosto giudicante su come si è rivelata la vita di sua sorella. L'ironia dell'atteggiamento condiscendente di Jasmine è che è una bugiarda abituale che è così arrabbiata per le sue circostanze indigenti che parla spesso con se stessa. La storia segue lo schema base di "Streetcar" ma prende alcune svolte interessanti, ad esempio, quando cerca di migliorare se stessa prendendo lezioni di computer mentre lavora come receptionist in uno studio dentistico.

Allen ha trasformato il suo film in un'intelligente giustapposizione di eventi attuali e passati che inizialmente sembrano stonati poiché riflette lo stato mentale precario di Jasmine ma poi si fonde in un arco drammatico che risuona molto più di quanto una semplice cronologia avrebbe potuto permettere. Come scrittore, è diventato più rumoroso nei suoi dialoghi senza perdere il senno. Non tira pugni quando mette in mostra scontri tra i suoi personaggi, sia tra le due sorelle, uomini e donne, sia persone di classi diverse. L'ostilità può presentarsi in torrenti infiammabili o in osservazioni sottilmente velate. Il fatto che Allen si muova in modo così abilmente nel tono è una testimonianza della sua forte abilità nel trarre la verità nei suoi attori. Blanchett è una meraviglia in questo senso perché c'è qualcosa di intensamente impavido nel suo approccio. Non ha paura di perdere la simpatia del pubblico per il suo personaggio, trova una innata tristezza in Jasmine che ci fa desiderare di sapere cosa le succederà dopo. Inoltre estrae l'umorismo acuto e di classe nelle lotte di Jasmine con un punto culminante di una scena esilarante eseguita in un ristorante pizzeria dove spiega ai suoi confusi nipoti di "Tip big, boys".

Il resto del cast gestisce turni efficaci. Alec Baldwin interpreta il marito imbroglione di Jasmine con aplomb quasi senza sforzo. Sally Hawkins porta una meravigliosa scioltezza a Ginger, Stella a Blanchett's Blanche, e trova un livello di tensione nella costante vittimizzazione del suo personaggio per mano di sua sorella e del suo brutale fidanzato Chili, interpretato con fervore comico da Bobby Cannavale nel ruolo di Stanley Kowalski. In un ruolo convenientemente concepito, Peter Sarsgaard diventa insolitamente arioso nei panni di Dwight, un diplomatico del Dipartimento di Stato ricco, erudito e disponibile a livello matrimoniale che sembra essere la risposta alle preghiere di Jasmine, mentre Allen interpreta due improbabili fumetti in ruoli da vicino: Andrew Dice Clay come l'ex marito sconfitto di Ginger Augie e Louis CK come Al, un pretendente amoroso che porta a Ginger alcuni momenti di salvezza romantica. Il soggiorno europeo di Allen sembra averlo liberato con il movimento di personaggi nelle scene e l'opera di Javier Aguirresarobe ("Vicky Cristina Barcelona") si adatta bene. Le location di San Francisco apportano un piacevole cambiamento geografico alla narrazione di Allen, e usa il Golden Gate Bridge solo per un lungo tiro dal lato Marin. Questa è la migliore opera di Allen da un po 'di tempo e Blanchett è la musa ideale per la sua storia.
data di revisione 02/23/2020
Tarrel
Ho pensato che questo fosse il miglior film di Woody Allen da anni. La sceneggiatura è stata scritta meglio di quanto mi aspettassi da lui a questo punto, dati i suoi ultimi passi verso il dramma, e le risate sono spesso derivate tanto dall'umorismo oscuro nelle situazioni dei personaggi quanto da linee di punzonatura scattanti. Complimenti a Cate Blanchett che si esibisce in una performance stellare, gli attori a volte interpretano ampiamente i personaggi nevrotici di Woody per l'effetto comico, più il modo in cui Woody interpreterebbe il ruolo (pensa Judy Davis), ma Cate lo interpreta in modo molto efficace e credo che lo farà portare a casa la prossima migliore attrice Oscar. Per me la sorpresa più grande è stata Andrew Dice Clay, che offre una sorprendente interpretazione sfumata come un tipo della classe operaia amareggiato dal fatto di essere stato fregato da grossi colpi, e per certi versi il suo personaggio è moralmente ancorato al film. Ottimo lavoro, Woody.
data di revisione 02/23/2020
Dorinda Orlikowski

Tutte le recensioni degli spettatori che ho letto su questo film sono state straordinariamente positive. E con un eccellente punteggio di 7.9, come potrei sbagliarmi andando a vederlo? Woody Allen era solito girare film divertenti e intelligenti. Grosso errore.

Sono qui per dirti che questo è un film orribile. I personaggi sono creature stupide noiose, irritanti, fastidiose di cui non me ne può fregare di meno. Persino quelli che hanno iniziato con una certa credibilità, l'hanno persa. Tutti gli attori hanno svolto un lavoro decente nel recitare nei panni che sono stati loro assegnati, ma la sceneggiatura non è stata entusiasmante e la storia è stata solo sbagliata e inutile. Uno degli altri recensori ha menzionato come alla fine del film il pubblico si sia seduto in un silenzio sbalordito. L'ho preso dal significato di soggezione o riverenza. Ora so che è perché il film non ha fine. Se il proiettore si interrompesse con trenta minuti rimanenti per andare nel film, le persone ululerebbero di rabbia e chiedevano i loro soldi indietro, ma se lo scrittore / regista lasciasse perdere gli ultimi 20 o 30 minuti della storia e poi punta sui crediti tutti pensano che sia bello, intelligente e innovativo.

Mi sento come un ragazzo in piedi in mezzo alla folla che guarda l'imperatore camminare per la strada nuda e tutt'intorno a me la gente trasuda e si impadronisce delle sue bellissime vesti reali. Quali capi? Il ragazzo è tremolante, peloso, nudo, per piangere forte! Questo non è un film meraviglioso. È stata una storia potenzialmente interessante che si è persa da qualche parte lungo la strada. Non farti risucchiare dall'hype.
data di revisione 02/24/2020
Ewer

Questo film di Allen ha un po 'di pedigree e nei primi 30 minuti è chiaro che ha affilato bene la matita per la scrittura del suo personaggio principale, Jasmine o Jeanette.

Più tardi, con gli altri personaggi maschili che fanno parte della vita di sua sorella, arriva una sensazione fastidiosa. È come ... com'era quella commedia su una sorella delirante, suo cognato e la vita piena di vapore in quella città del sud ... Oh sì, era "A Streetcar Named Desire".

Il modello per questo film è così vicino alla commedia di Williams che va bene, strano, ma Allen ha forma qui; con i suoi pasticcini Bergman e il suo cenno di assenso a Henry James, sa come muovere altri lavori - forse è tutto così ben assorbito che a malapena conosce la differenza tra il suo lavoro e il loro. Come diceva TS Eliot, i grandi artisti rubano.

Tarantino lo fa con tutto ciò che ha mai fatto; Allen fa appello solo alla classe media che non legge il materiale sorgente e questo formato lusinga il loro senso informato per ciò che è un buon dramma.

Il film è abbastanza piacevole; a volte vacilla e gira e rigira, e ha una trama molto pigra, gestisce alcune esplosioni morali a Wall St e avidità, cupidità, tra gli altri peccati, ma non si sviluppa mai bene. È una leggera storia basata su un'altra opera.

Blanchett sta bene e, come l'originale Blanche, lei, insieme all'autore, ha spesso fatto affidamento sulla gentilezza degli estranei. È quasi una frode perfetta.
data di revisione 02/24/2020
Tullius Kulaga

Prevedibile, ovvio, convenzionale, banale e stereotipato sono parole che mi sono venute in mente mentre ribollivo, borbottando sul sedile, guardando un film che era stato "acclamato" da molti critici. Purtroppo questa è stata un'altra sceneggiatura e una delusione alla regia di Woody Allen e questo mi fa arrabbiare. Volevo davvero che Allen mi abbracciasse con sensibilità e convinzione; per farmi ridere e piangere, per creare personaggi che fossero distintivi e dimostrassero individualità come nel film del 1999 SWEET AND LOWDOWN. Invece BLUE JASMINE, che apparentemente parla del divario di classe, della pretesa, dell'immoralità finanziaria e della volubilità delle relazioni, si concentra su una donna di nome Jasmine interpretata da Cate Blanchett che è nel mezzo di un esaurimento nervoso e si avvicina al suo "basso- classe "sorella a San Francisco.

La performance di Cate Blanchett nei panni di Jasmine, che era stata sposata con un ricco uomo d'affari di tipo Bernie Madoff, Hal (una liscia e liscia Alec Baldwin), che viveva una vita come la bellissima moglie socialista di Park Avenue che intratteneva, faceva lavori di beneficenza e riempiva il suo tempo con Yoga e Pilates è vagamente incoerente. Siamo soggetti a continui flashback della sua precedente vita lussuosa, in contrasto con la sua vita senza un soldo "ora", prima e dopo il crollo del suo matrimonio apparentemente "idilliaco di alto stile". Siamo molto presto al corrente del film, con la caduta istrionica e melodrammatica di Jasmine dalla grazia. Il suo eccessivo bere, le sue divoranti pillole con un'urgenza avventatamente borbottante, tutti i gesti drammatici che implicano la disperazione sono stati ripetuti più e più volte - una visione della disintegrazione psichica che è stata truffata e stanca - un'immagine del collasso nervoso trasformata in burlesque.

Personalmente non me ne frega niente di nessuno dei personaggi ... tranne la dolce e bonaria sorella di Jasmine, Ginger - una performance naturale e bella di Sally Hawkins che sceglie come compagni i ragazzi della "classe operaia" - il suo gusto negli uomini è opposto della sua arrogante sorella condiscendente. Molti dei revisori di BLUE JASMINE hanno parlato del sottotesto Streetcar Named Desire di Tennessee William in questo film: penso che l'interpretazione sia superficiale e un'altra indicazione della banalizzazione di Woody Allen del lavoratore "ranghi e file". Solo perché Bobby Cannavale (che è un attore che ho amato in THE STATION MASTER) indossa magliette tagliate, è muscoloso con i capelli lisci e ha un carattere, non lo rende Stanley Kowalski; o una fragile Cate Blanchett che scende nel suo mondo interiore del passato, la rende Blanche Du Bois. Invece, ho visto Woody Allen diffondere una visione di classe della caldaia attraverso dialetti e elementi visivi che erano imitativi e privi di fantasia.

Le relazioni tra fratelli, gratificazione incurante del desiderio e visione cinica della battaglia dei sessi sono sempre prevalenti nei film di Woody Allen. Spero di vederne presto uno che sia genuino, fresco e autentico. Pensavo che BLUE JASMINE potesse soddisfare quei criteri - mi sbagliavo in modo sprezzante.

Lascia una valutazione per Blu Jasmine