Homepage > Adventure > Horror > Cannibal Holocaust Valutazione

Cannibal Holocaust (1980)

IMDB 5.9
Premiato
6
Bene
6
Media
1
Male
0
Terribile
9
data di revisione 02/21/2020
Bergstrom
L'olocausto del cannibale è cattivo, a volte MOLTO difficile da guardare, probabilmente malato, orribile, lo chiami. È anche un quasi capolavoro del regista Ruggero Deodato {che non si è mai avvicinato di nuovo alla qualità di questo film}. È un film horror nel senso più letterale. Non è affatto spaventoso, non tenta di farti saltare. Nonostante siano scene di orrenda violenza, non è nemmeno un semplice "disgustoso" alla Braindead. Ciò che Deadato ha tentato con questo film è di disturbare lo spettatore, provocare una reazione e fargli PENSARE. Il film ha un potente messaggio sulla crudeltà e la violenza dell'uomo e Deodato lo affronta totalmente a testa alta. Questo, e il fatto che sia così ben fatto (ammettiamolo, alcuni dei cosiddetti "video nasties" sembrano ridicoli ora} sono probabilmente il motivo per cui il film ha avuto così tanti problemi di censura. Anche se lo odi, ti attacca, sono immagini orribili che rimangono nella mente per secoli.

E sono davvero molti. Le persone vengono squarciate e mangiate, incluso persino un pene parzialmente strappato via. Una donna con un feto strappato da lei e sepolto nel fango. Un'altra donna ha violentato con un dildo e ha anche un fango con le unghie spinte tra le gambe. Un breve documentario falso che mostra esecuzioni realistiche e inquietanti. L'elenco continua. Saresti perdonato per aver pensato che questa è solo cattiveria da sfruttamento. Tuttavia, {e questa è solo una delle tante cose che separano questo film dai molti altri film del sottogenere cannibale], ci viene mostrata questa roba per farci riflettere, non solo sulla violenza dell'umanità l'uno verso l'altro e sulla sua ignoranza di altre razze, ma anche della violenza nelle notizie {e stranamente, la sovrabbondanza di "realtà in TV oggi rende anche pertinente il film}. E gioca anche con le nostre simpatie in un modo diabolicamente intelligente. Il cannibalismo sembra orribile per la maggior parte di noi, ma alla fine non siamo quasi contenti di vedere i protagonisti mangiati dagli indigeni quando hanno trascorso la precedente mezz'ora maltrattandoli e abusandoli?

Il film è stranamente strutturato, con la seconda metà sostanzialmente il "film" che trovano i personaggi nella prima metà del film. La seconda parte ha il massimo potere, anche se ci sono scatti che non potevano essere stati effettivamente realizzati dai cineasti. Deodato in realtà mostra una grande abilità in molte scene di effetti cruenti mostrando abbastanza effetti per essere efficaci ma non soffermarsi su di loro in modo che la finzione inizi a mostrare, e l'orgia climatica del cannibalismo è tanto più scioccante perché gran parte di esso è solo parzialmente intravisto, facendo più impressione. La colonna sonora spesso tristemente bella di Riz Ortolani è superba e persino il doppiaggio degli attori {good if not great} non è male.

L'unica cosa del film che è più difficile da difendere è la crudeltà verso gli animali {a meno che non si veda il DVD del Regno Unito, che lo rimuove}. In una scena particolarmente degna di nota una grande tartaruga viene trascinata fuori dall'acqua e in quello che sembra che il tempo reale sia sventrato. Probabilmente è disgustoso che gli animali siano stati uccisi per un film, ma questo è il modo in cui sopravvivono i nativi di molti luoghi, uccidendo gli animali e mangiandoli, ed è davvero più disgustoso del modo in cui i polli vengono accoppiati nelle fabbriche, pieni di cibo e fondamentalmente allevato per morire? Risposte su una cartolina per favore.

L'olocausto del cannibale è semplicemente essenziale per la visione non solo per i fan del cinema estremo, ma per i fan adulti del cinema a tempo pieno, purché ovviamente possano digerirlo!
data di revisione 02/21/2020
Woodie Bagaram

Il professor Harold Monroe (Robert Kerman, noto anche come porno star Richard Bolla), viaggia nelle giungle del Sud America per cercare di scoprire cosa è successo a un gruppo di tre cineasti che ora sono scomparsi da tempo. Dopo aver individuato una tribù primitiva, Monroe riesce a trovare un accordo e salvare ciò che resta di Alan (Gabriel Yorke), Faye (Francesca Ciardi) e Jack (Perry Pirkanen).

Dicono che ci sia una linea sottile tra genio e follia e penso che nel regista di Ruggero Deodatto del Cannibal Holocaust sia stata la più sottile possibile. Definire questo film depravato e malato gli darebbe solo la metà del merito che merita perché "Cannibal Holocaust" è pensato per essere malato in quanto mostra quanto sia disgustosa la nostra società ma nel modo più moralmente corrotto che si possa immaginare. Con numerosi atti repulsivi come una vera tartaruga dal vivo, un feto strappato dal corpo di una donna, stupro, castrazione e impalamento, il film si appresta a ritrarre i cineasti documentari `` civili '' come niente di meglio dei cannibali primitivi. Anche se gli attori sono a malapena competenti per fare il loro lavoro, diventa quasi divertente (in modo molto sadico) vederli soffrire per mano di coloro che hanno torto. Tuttavia, dal punto di vista moralistico, anche guardare questo film è sbagliato.

Non penso che questo sia il tipo di film che o ami o odi per motivi di intrattenimento, ma sei d'accordo o in disaccordo con come presenta il suo caso. "Cannibal Holocaust" è certamente una prova di resistenza nella visione, poiché i sensi sono violentati dalle immagini disgustose costantemente rappresentate al suo interno. Girato con un budget di scarpette praticamente senza valori di produzione evidenti, "Cannibal Holocaust" ha una grintosità realistica inquietante che è quasi senza pari da qualsiasi altro film e un'enorme influenza per "The Blair Witch Project" quasi venti anni dopo. Sento che, poiché il film è realizzato in modo così brutto e il fatto stesso che sia stato prodotto è più dannoso per la società di quanto gli eventi ritratti in molte persone ritengano che non sia altro che un bagno di sangue insensato senza caratteristiche redentrici e una trama ipocrita ?? e in una certa misura hanno probabilmente ragione! Il fatto che lo spettatore apprezzi o disprezzi questo film dipende totalmente dallo spettatore ed è ingiusto per chiunque giudicare la persona in base alla propria opinione su questo film.

"Cannibal Holocaust" non riguarda una trama netta, una recitazione eccezionale o effetti speciali superbi (anche se gli effetti non simulati sono generalmente buoni). Invece riguarda l'umanità in generale. Se credi di poter affrontare immagini violente e ripugnanti e scene di incredibile crudeltà, allora vai avanti e guardalo, ma per il resto è sicuramente uno da evitare. Alcune persone probabilmente riterranno offensivo il moralismo su tali argomenti ripugnanti e non posso dire di incolparli. Tuttavia, c'è un messaggio lì e questo film fa una dichiarazione estremamente audace. La domanda è se fosse giusto fare la dichiarazione in questo modo? Dal punto di vista artistico non ha alcun valore reale ma rimane un film interessante. La mia valutazione per ?? Cannibal Holocaust '?? 6/10.
data di revisione 02/21/2020
Schug Ringquist

Non posso credere che alcune persone abbiano criticato questo grande film. Merita una valutazione molto più alta.

Ho tirato fuori questo film pensando che sarebbe stato un fest splatter senza cervello. Ma dopo averlo visto per intero, mi sono lasciato andare alla grande ... Non mi aspettavo di essere sfidato dai suoi elementi visivi, dalle lezioni sociologiche e dalle domande che sollevava.

Il film è reale, genuino e onesto all'argomento: "La barbarie" può essere innata in tutti gli umani.

Si può sostenere che gli umani che entrano nello stadio dell'omo-sapienza dell'evoluzione sono sopravvissuti e si sono espansi a causa di quelli che ora sono considerati barbari modi selvaggi. La ferocia era uno strumento di sopravvivenza. Siamo venuti dalla barbarie ... e fino a un certo punto siamo ancora selvaggi.

Sebbene la recitazione sia scarsa in molti luoghi ... il regista interpreta il cannabilismo e la barbarie ... e la ritrae in modo piuttosto intelligente.

Convincenti connotazioni possono essere fatte al Blair Witch Project. Sono sicuro che la troupe che ha realizzato BWP sia stata ispirata da questo film.

Il film segue un professore che indaga sulla scomparsa di una squadra cinematografica americana (3 ragazzi e ragazze) che è andata nella giungla del Sud America per girare un documentario sui cannibali nativi.

Il professore con un paio di assistenti nella giungla si avventurano nella giungla per seguire le orme degli americani perduti. Riesce a salire sul sentiero e scopre lentamente i modi grizzly delle tribù della giungla! Facendo amicizia con questi nativi, cattura le bobine dei film perduti e ritorna nel suo agglomerato grattacielo.

Tra i film c'è il giro degli ingranaggi nel settore dei media. Il dilemma dei dirigenti televisivi che combattono con il professore per mandare in onda i filmati una volta persi in TV per il pubblico. Il professore è riluttante.

Il professore sembra l'unica persona posseduta con comprensione morale e compassione per tutto il film .. tutto il resto sembra dopo valutazioni, fama, denaro o sangue.

Il film inizia la sua fine riproducendo il filmato grezzo di ciò che il team della spedizione ha filmato ... ed è scioccante. Le domande sorgono: chi sta commettendo la vera barbarie 'malvagia' qui?

Per quanto riguarda le scene di crudeltà sugli animali: Sì, sono reali e scioccanti. Ma dovrebbe essere più scioccante dell'hamburger di manzo che viene servito a McDonalds. Le mucche vengono macellate ogni giorno. Forse uno ha bisogno di guardare un collo di bovino farsi tagliare prima che lo diano per scontato che stanno mangiando una bella succosa bistecca sul loro piatto. Il film descrive la realtà del consumo di carne umana ... e sì, tutti i tipi di animali vengono uccisi per l'appetito umano, specialmente in natura - qualcuno lo farà! Per coloro che contestano questo film per questi motivi "Riesci a gestire la vita?" Questa roba continua ancora, indipendentemente dal fatto che tu la veda accadere o no.

Questo film è assolutamente geniale. Un classico di culto. Posso vederlo fare un risveglio ... ma non so quando ... forse tra qualche anno.
data di revisione 02/21/2020
Terza
Cannibal Holocaust è stato, innanzitutto, un film disgustoso con più violenza di quanto io abbia mai visto. Nonostante ciò, è anche uno dei miei film preferiti. Dà la sensazione di Blair Witch fatto bene, anche se ci sono alcune scene molto ovvie in cui nessuno tiene la macchina fotografica, ma nonostante alcuni piccoli problemi estetici questo è il miglior film horror che abbia mai visto.

A differenza della maggior parte dei film "shock", come i film della Guinea Pig, l'Olocausto dei cannibali ha una trama molto ben scritta e una progressione definita. L'obiettivo è ancora quello di far ammalare il pubblico, ma non vediamo nemmeno la violenza fino a tardi nel film, quindi l'enfasi sulla trama è molto più forte. La storia raccontata è profonda e mostra le lunghezze con cui la gente cercherà di raggiungere qualche obiettivo, ad esempio dato che fama e fortuna. Il tema si riflette in trame parallele attraverso la seconda metà del film, mentre Alan e la sua troupe si spingono sempre più alla disperata ricerca della fama, e il professore lotta contro una grande azienda mediatica per reprimere l'uscita del loro filmato. Anche in senso "meta", vediamo il tema apparire ancora una volta nelle lunghezze in cui è andato il direttore dello stesso Olocausto del Cannibale, arrivando al punto di uccidere e macellare quattro animali davanti alla telecamera.
data di revisione 02/21/2020
Virg Toadvine

Sì, questo film è stato bandito e pesantemente censurato in alcuni punti per essere stato inquietante. Ha alcune scene raccapriccianti davvero ben fatte, ma la vera censura è venuta dalla crudeltà verso gli animali. Diciamo solo che questo film non ha "nessun animale è stato ferito durante la produzione" scorrendo i titoli di coda. Le uccisioni di animali includono un maiale che viene colpito alla testa da una distanza ravvicinata, un topo muschiato aperto senza motivo, una tartaruga gigante spaccata in una scena troppo lunga e una scimmia che si fa spaccare il cervello in cui sono necessarie due prese così due scimmie furono uccisi durante la produzione. Erano veri e propri omicidi e non falsi. Molti attori sul set hanno protestato ma lo spettacolo è andato avanti. In effetti, uno degli attori principali temeva per la sua vita pensando che questo potesse essere un film "da fiuto" e che potesse incontrare lo stesso destino. Tanto quanto questa gente infastidita, è davvero così diverso dall'acquistare carne in un supermercato? Almeno mi ha fatto pensare. Il film ruota attorno al "filmato trovato" di un gruppo di registi di documentari. I cineasti sono in Sud America alla ricerca di una tribù di mangiatori di carne, sperando che questo documentario vincerà loro fama e fortuna. Il film è stato commercializzato in un modo che ha fatto credere agli spettatori che tutti i filmati documentari mostrati nel film fossero filmati reali di un gruppo che è andato davvero in Sud America per fare un documentario. Una recitazione discutibile lo dà via. E hai pensato che "The Blair Witch Project" fosse un'idea originale, vero ??
data di revisione 02/21/2020
Geraud

Cosa non ho sentito sull'olocausto del cannibale? Solo che è uno dei film più inquietanti di tutti i tempi e ancora oggi riesce a scioccare il suo pubblico. Onestamente sono sorpreso che mi ci sia voluto tanto tempo per guardarlo, ma ho trovato il film su Google perché ero cauto nel pagare 20 dollari per un film che non avevo mai visto. Per fortuna l'Olocausto del Cannibale è molto più che scioccante, ma in realtà ha un ottimo messaggio. Il film non è così scioccante come sono sicuro che fosse quando è stato rilasciato, ma è un contagocce. Principalmente a causa dei veri omicidi degli animali che è un po 'troppo da gestire. All'epoca il regista era stato anche accusato di aver ucciso i tre attori principali, di parlare di motivazione, tuttavia ha costretto gli attori a rompere il contratto di silenzio, poiché voleva che il pubblico pensasse che si trattasse di un vero film, al fine di dimostrare la sua innocenza . Prima del Blair Witch Project, non c'erano film come Cannibal Holocaust, non credo che un film abbia toccato il terreno da allora.

C'è un documentario televisivo su una troupe cinematografica statunitense scomparsa, scomparsa in una spedizione in Amazzonia per realizzare un documentario sulle tribù indigene di cannibali. La squadra era Alan, il regista; Faye, sceneggiatura; e due cameraman, Jack e Mark. Harold Monroe, un antropologo, ha accettato di guidare una squadra di soccorso e vola in Amazzonia per incontrare le sue guide. Lì la squadra incontra l'ostilità e apprende che il gruppo cinematografico aveva causato disordini tra la gente. Gli Ya̧nomamö invitano Monroe e la sua squadra al loro villaggio, dove vengono trattati con sospetto. Un gruppo di donne Ya̧nomamö lo portano in un santuario, che apprende detiene le ossa dei cineasti americani scomparsi. Monroe si confronta con gli Ya̧nomamö su questo. Dopo aver suonato un registratore per loro, lo scambia con le bobine di film sopravvissute della prima squadra. Di ritorno a New York, i dirigenti invitano Monroe a ospitare una trasmissione di un documentario da realizzare sul film recuperato. Monroe vuole prima vedere il filmato grezzo, scoprire chi potrebbe essere il vero selvaggio dopo tutto.

Le uccisioni di animali mi hanno infastidito? La scena delle tartarughe ha sicuramente funzionato, capisco che la carne era usata per i pasti, ma era un po 'troppo per me gestire la brutalità dell'uccisione. Non entrerò nei dettagli, solo se sei un amante degli animali come me, quindi faccio avanti veloce anche quella parte. Tuttavia, ciò che ho apprezzato del film è stato quanto fosse realistico, il regista ha fatto un ottimo lavoro nel trovare luoghi, attori e la sensazione generale del film mentre ti senti sporco e imbarazzato a guardare un tale orrore sullo schermo. Anche se potrei non essere d'accordo con le uccisioni di animali, questo messaggio su chi sono i veri selvaggi mi ha davvero colpito. Ho adorato il fatto che non si trattasse solo di estrapolare le persone, ma di mostrare come le persone pazze possano perdere denaro e potere. È davvero triste ed è strano pensare che la troupe di documentari che ha partecipato al progetto che pensavi fossero originariamente le vittime di tribù così violente in realtà erano quelli che sono animali selvaggi e in qualche modo malati meritavano la giustizia che era loro servita. Mentre è un film difficile da guardare, direi che ne è valsa la pena, ancora una volta non per i deboli di cuore, ma un vero classico e sono sicuro che rimarrà scioccante per molte generazioni a venire.

8 / 10
data di revisione 02/21/2020
Platus Desposito

Ho sentito parlare per la prima volta di Cannibal Holocaust, attraverso Internet. La mia curiosità iniziale e il desiderio di vedere il film era perché si supponeva fosse il film più violento e cruento, che è un argomento di cui si può discutere. Ma quando alla fine ho ottenuto una copia di questo sono rimasto senza parole.

L'apertura del film ha probabilmente la musica più bella che io abbia mai ascoltato, mentre riprendevo le riprese dell'Amazzonia a volo d'uccello.

Sono stato sorpreso di vedere che questo film era molto più di una festa della violenza. Mentirei se dicessi che la violenza nel film è insignificante per il messaggio sottostante perché non lo è. Ci sono vere uccisioni di animali che sono piuttosto brutali da guardare, ma sul lato più leggero, gli animali uccisi sono stati mangiati dal cast e dall'equipaggio dopo le riprese, quindi non sono morti per l'intrattenimento dello spettatore o altro.

L'olocausto del cannibale può essere chiamato prima del tempo, a causa del fatto che ti mette in discussione guardare la realtà come intrattenimento e dove tracciare la linea. Anche temi del consumismo, dei media e di cosa significhi essere civilizzati sono presenti nelle uccisioni, nel consumo di carne, nello stupro, nell'aggressione sessuale, nella tortura e in altre cose così estreme filmate. Vorrei confrontare questo con Clockwork Orange nel senso che c'è un messaggio nella follia.

Ed era abbastanza ovvio da dove i creatori di Blair Witch si sono ispirati, questo film.
data di revisione 02/21/2020
Chaing Falter

Lo terrò breve. Questo non è uno dei film più spaventosi di sempre. Questo film non fa paura, punto. Non avrai paura di questo film.

Ciò che potresti essere, è disgustato. Ciò che passa per l'orrore in questo film è lo shock, e invece di vedere qualcosa di simile a una storia spaventosa o scene spaventose, vedrai animali essere smembrati, tagliati, mutilati.

Non sono un membro di PETA, mangio bistecca. Ma in questo film vedrai un topo muschiato spaccarsi, una tartaruga gigante fatta a pezzi pezzo per pezzo, un colpo di giaguaro e così via. Questi non sono effetti speciali, non c'è nessun avviso "non c'erano animali feriti durante la realizzazione di ...", non c'è niente di speciale in questo film ... non lasciarti ingannare.

Quando ti prendi una pausa dalla loro "trama" in stile strega porno / blair, ottieni alcune sciocchezze insensate sul cannibalismo, un po 'di recitazione ORRIBILE, un lavoro in cinepresa di terzo grado e quando stai per annoiarti a morte, iniziano a tagliare un animale o troppo.

Le persone a cui piace questo film? Le stesse persone che guardano video di gattini che vengono sottoposti a microonde o altre torture su animali.

Segui il mio consiglio e salta questo film.
data di revisione 02/21/2020
Brufsky Stahler

Quello che hai in Cannibal Holocaust è la storia di un gruppo di persone della New York University che vanno a documentare una cultura di cannibali e che non tornano più. Non che la storia sia importante. Dopo aver visto, penso ora a tre film di cannibali (questo è tre in più rispetto alla dose raccomandata per la vita media di un adulto sano), mi è diventato chiaro che non sono altro che esibizioni di violenza e malattia. E in quella zona, il film ha successo brillantemente. È così insipido e così disgustoso che è incredibile che cose come questa vengano mai fatte.

E non solo per le mutilazioni animali o per le feci che lanciano (sì, succede davvero in questo film. Non è solo una maglietta per adolescenti intelligenti) o le orge di violenza misogina, ma ovviamente ci sono tonnellate di nativi nudi nel film , molti di loro ovviamente minorenni. Ma immagino che non sia solo una preoccupazione in qualunque paese il film è stato distribuito.

Immagino che dovremmo essere colpiti dalle scene di alimentazione, dal momento che la logica ti porterebbe a credere che questo è ciò su cui si concentra un film sui cannibali. Se è così, forse questo spiega perché tutti gli indigeni devono spalmarsi il cibo su tutti i volti prima di mangiarlo, anche se non riesco a spiegare perché le donne vengano regolarmente mutilate, smembrate, fornicate e POI mangiate.

Risulta presto chiaro che sicuramente qualcuno nel gruppo di persone della New York University deve scattare, incapace di prendere più quello che stanno vedendo, e ovviamente succede.

Un ragazzo, dal momento che i nativi 'diffidano' di loro (forse era tutto quel tiro?) Decide di spogliarsi nudo per "diventare come loro". Evidentemente quest'uomo non ha mai visto prima il candore del suo sé nudo, ma le ragazze dell'isola non sembrano preoccuparsene. Non appena questo imbarazzante ragazzo bianco si toglie i cachi, un intero gruppo di ragazze nude gli si avvicina e inizia a prenderlo per un po '. Ehi, forse i cannibali non sono poi così male ??

Oh, ma pochi minuti dopo, il gruppo è costretto a mangiare umani, come ci si aspetta. Gli indigeni si rallegrano allegramente delle viscere mentre si trasformano inspiegabilmente in selvaggi ai fini di questa strana trama. Perché la discesa istantanea e totale alla barbarie? Non ne ho idea, il film non è abbastanza intelligente da spiegare una cosa del genere, tutto ciò che sa fare è mostrarti qualcosa che sarebbe molto meglio non vedere mai.

Una tartaruga gigante viene lacerata viva a mani nude mentre il cameraman fa uno zoom per un primo piano estremo in modo da non perdere un singolo dettaglio ribelle, una scimmia si taglia la faccia, un'amputazione dei boschi è cauterizzata con un machete caldo e, quando il povero amputato muore immediatamente, il resto dell'equipaggio dimentica pochi secondi dopo, ridendo e scherzando nel filmato successivo.

Questo è, ovviamente, tutti i filmati documentari che stanno guardando di una troupe cinematografica del passato. Sembra che questi giganti mentali siano entrati nel villaggio e abbiano iniziato a urlare e sparare con le loro pistole e bruciare il villaggio, e poi si sono chiesti perché sono stati massacrati. Non è esattamente un'enorme ondata intellettuale quando uno del nuovo equipaggio dice "queste persone probabilmente pensano che SIAMO i selvaggi!"

Gia ', cosa ti ha fatto una soffiata? Il rogo del loro villaggio o il fornicazione nelle ceneri?

Chiaramente questo dovrebbe essere il messaggio sottilmente mascherato del film. I bianchi sono selvaggi almeno quanto le persone che pensiamo siano selvaggi. Oh, e nel caso in cui non ti capitasse di catturare quel messaggio quando ti ha colpito in testa numerose volte come una tonnellata di mattoni, a un certo punto le persone "civili" afferrano una delle ragazze native e la violentano, cercando di mostrarla gli errori delle sue vie. Intelligente.

Queste persone non assomigliano a nessun tipo di persone civili, sono degenerati assoluti e dovrebbero essere imprigionati. Gridano persino di gioia quando trovano una donna impalata su un palo. Che diavolo è questa spazzatura?

Ma guardando un film come questo, mi sembra che siano le persone a creare e distribuire qualcosa del genere che sono i selvaggi.

Almeno i film horror sono DIVERTENTI, anche quelli cattivi. E questo non è un brutto film horror. Non è affatto un film horror, non so come lo chiameresti, ma è davvero orribile.

Una madre dà alla luce un bambino nel film, per esempio. Il bambino viene portato via da sua madre, intriso di sangue e poi sepolto nel fango mentre la madre viene picchiata a morte con pietre.

C'è un punto nel film in cui lo scrittore completamente privo di talento, evidentemente ignaro di quanto la sua storia sia incredibilmente ovvia, ha uno dei suoi personaggi che ti nutre il vero significato del film:

"Oggi le persone vogliono sensazionalismo. Più violenti i loro sensi, più sono felici."

Questa frase tradisce una sbalorditiva mancanza di comprensione del pubblico che va al cinema, ma almeno è una descrizione impeccabile del pensiero alla base del film. Peccato che tu debba guardarlo per sapere che non avresti mai dovuto guardarlo
data di revisione 02/21/2020
Carola

Olocausto cannibale. Un gruppo di 4 cineasti e la loro guida fanno un viaggio nella foresta pluviale nota anche come "l'inferno verde" per girare un documentario sulle tribù native di "cannibali". Dopo un breve periodo di riprese scoprono che il filmato che hanno girato finora non è abbastanza spettacolare, quindi decidono di mettere in scena il tutto. Il loro comportamento scorretto si interrompe quando incontrano una delle "vere" tribù cannibali della regione. Quando il fronte interno scopre che l'equipaggio non mostra alcun segno di vita, decidono di inviare una missione di salvataggio. Queste persone (un antropologo e le sue guide) recuperano il filmato originale girato dall'equipaggio scomparso e lo riportano negli Stati Uniti ...

Ho deciso di aspettare la versione integrale europea del film perché non sono un fan della censura (ogni individuo dovrebbe essere in grado di decidere da solo ciò che vuole o non vuole vedere) ma questo può essere SOLO il caso di FICTION . Questo film contiene tuttavia filmati reali di uccisioni di animali (un serpente viene decapitato, un ragno viene schiacciato, una scimmia viene scalpellata, una tartaruga viene decapitata e dopo il rione viene mangiato, un maiale viene colpito alla testa, ...) e questo è non l'essenza di un film horror. I film horror dovrebbero essere storie di fantasia con grandi effetti speciali e trame efficaci che ti intrattengono o ti spaventano con la loro originalità. Film come questo danno alla scena horror un brutto nome e perché ...? Questo film è "famoso" per i suoi "grandi" effetti speciali; gli effetti speciali di questo film sono così cattivi che ogni scena che contiene uno di questi "cosiddetti effetti" è sfocata (i registi se la cavano perché possono usare la scusa che è stata girata usando piccole fotocamere portatili) . Le uniche volte in cui il sangue è convincente è quando usano budella reali di animali reali e fanno sembrare che provenga da un corpo umano. La trama del film è assolutamente incredibile (con filmati di stupri e torture che vengono appena introdotti senza aggiungere alcuna originalità - la sola ragione per cui li inseriscono è di "scioccare" ancora di più lo spettatore / non ci sono riusciti) , gli effetti del trucco sono deboli (solo alcuni ragazzi hanno dipinto di bianco e indossano parrucche fatte di paglia) e la recitazione è probabilmente la peggiore recitazione dell'intera storia del cinema. L'unica cosa positiva che posso dire di questo film è che contiene alcune grandi immagini della fauna e della flora incontaminate della foresta pluviale. Questo non è tuttavia il motivo per cui ho comprato questo film. Si dice che Deodato si rammarica di aver realizzato questo film e che dovrebbe esserlo; è una totale perdita di tempo e denaro.
data di revisione 02/21/2020
Ashmead

Sebbene nessuna persona sia rimasta ferita durante la realizzazione di questo film, un certo numero di animali è stato torturato inutilmente.

Questo film dovrebbe quindi essere vietato. Non possiamo permettere alle persone di fare intrattenimento dal dolore dei nostri simili.

Un ratto è stato scuoiato sulla macchina fotografica, strillando di dolore.

Una tartaruga fu decapitata, smembrata e mangiata.

Una scimmia era intrappolata e aveva la faccia tagliata con un machete.

Anche se non ho alcun problema con la rappresentazione della violenza nei film e non credo che la libertà di parola debba essere soggetta a censura, questo film "va davvero lontano". La libertà di parola non include la tortura.
data di revisione 02/21/2020
Meter

È abbastanza triste che le persone chiamino questa arte. Questo è stato semplicemente disgustoso. Non sono una persona a cui non piace Gore, posso sopportarlo e mi piace. Non sono un pusher per i diritti degli animali (lo sostengo, ma se fossi io o il cane, il cane morirebbe.) Ora questo era davvero disgustoso e crudele. Hanno fatto cose a questi animali che è così (voglio piangere) orribile. Penso solo "Qual è stato il dolore inimmaginabile di quel topo muschiato, o della tartaruga, o della scimmia." E fottuto av * gin * con un paletto di legno, WTF! Chi si siede e viene fuori con questo, e se lo fai, non lo film. Adoro i film artistici come The Tracey Fragments e The Blair Witch Project, ma questa non era affatto "arte". Questo è stato un viaggio attraverso un disgustoso mattatoio. Ciò che mi rattrista è che voi vi comportiate come se non fosse reale. Bene tesoro, quegli animali sono morti per il tuo divertimento. Questo è quello che chiamo "arte"
data di revisione 02/21/2020
Allan Lazier

... e includo i poteri di Krakatowa e le geyserette (1997). L'olocausto del cannibale ha sempre goduto di quel tipo speciale di notorietà che viene bandito in vari "territori" ma mentre alcuni film ottengono l'abbattimento per motivi di autocensura o sensibilità culturale (un'arancia meccanica ad esempio), l'Olocausto è una zuppa densa di violenza voyeuristica, demente e gore - censurata nonostante il fatto che il tipo di persone che vorrebbero vederlo più di una volta siano proprio il tipo di malformazioni che otterranno comunque una copia mentre la maggior parte degli altri sceglierebbe di non guardarlo o di iniziare e rendersi conto che è un sacco di vecchie schifezze. In effetti ha organi interni a bizzeffe ma curiosamente senza cervello. Vietarlo non ha altro scopo se non quello di dargli un'aura che non merita. È, quando tutto l'hype è tagliato, dire come le viscere di una tartaruga gigante, un'esperienza estremamente distruttiva per l'anima, inutile. Artisticamente inutile. L'unico motivo per guardarlo è vedere quanto peggiorerà e non sto rovinando nulla per te dicendo che stai guardando su larga scala e il viaggio è lungo e difficile. La storia o il gancio, se vuoi, è che alcuni cineasti vanno nella giungla, incontrano una tribù di selvaggi di base che mangiano i loro simili e vengono orribilmente brutalizzati, assassinati e consumati, ma fortunatamente per noi tutto viene catturato nel film. Questa è roba pre-Blair Witch con molte più calorie, ideata da Deodato, l'aspirante venditore ambulante quando quei registi stavano pranzando al petto. Dire che l'olocausto è difficile non è mai stato così semplice. Molti film affermano di essere un orologio difficile ma in questo caso il vero olocausto potrebbe essere stata un'esperienza preferibile. Uomini e donne hanno lo stesso motivo di temere le sue numerose sequenze di stomaco. Per i ragazzi sarà la scena in cui una povera zolla ha il suo pene asportato dal suo spazio genitale e mangiato mentre la folla in agguato lo svela vivo. Ragazze, sedetevi e attendo con ansia la donna montata vaginamente su una scena di lancia e non dimentica il tabacco da fiuto. Maiali, scimmie, tartarughe - lo chiami lo ottengono. Se hai sempre pensato che a Babe mancasse la scena in cui ottiene il proiettile o che Alla ricerca di Nemo avrebbe potuto funzionare meglio con un display di tartarughe, allora questo è il film che hai aspettato per tutta la vita. Le scimmie scalping sono l'antidoto perfetto per tutti quei film di tipo libero nati che abbiamo dovuto soffrire nel corso degli anni ma i registi sono un uomo coraggioso perché se l'ALF lo vede mai dovrà controllare la parte inferiore della sua auto con un specchio per la vita. Ci sono state molte sciocchezze quando si è trattato del fatto che si trattava di tabacco da fiuto e a quegli italiani sensibili non piaceva il massacro di animali (questa è la nazione che ha inventato il fascismo!), Ma le autorità potrebbero essersi chieste perché avresti rilasciato un film che ritraeva stai uccidendo il tuo cast (dopo tutto è una prova schiacciante) - perché non ucciderli? Alla fine le uniche persone che vengono davvero uccise sono il pubblico ma non in modo divertente - se è questo o 'Mentre dormivi' è ancora il film di Bullock ... ma solo ovviamente.
data di revisione 02/21/2020
Rohn

Cosa posso dire ... Vorrei dare a questo film un 20 su 10 per il puro impatto orribile, scioccante e che divora il cuore che ha avuto su di me e un 50 su 10 per il suo tentativo di avvicinarsi alla realtà di un documentario - perché all'inizio è quello che pensavo fosse - ma poi ho letto da qualche parte che durante la realizzazione di questo film gli animali sono stati effettivamente torturati e che questa parte non era opera di SE. In totale sei animali vengono brutalmente uccisi sullo schermo: - Un grande coatimundi urlante (spesso scambiato come un topo muschiato) viene pugnalato più volte al collo da un attore. - Una grande tartaruga (lunga circa un metro e mezzo) viene catturata nell'acqua e trascinata a riva, dove viene poi decapitata e gli arti e il guscio rimossi. Gli attori procedono a cucinare e mangiare la tartaruga. - Un grosso ragno viene ucciso con un machete. - Un serpente viene ucciso con un machete. - Una scimmia scoiattolo viene catturata da un attore nativo che interpreta un uomo della tribù, che taglia la faccia della scimmia con un machete mentre sta lottando e quindi mangia il cervello. - Un maiale viene calciato e poi ucciso con un fucile quando viene colpito alla testa da un attore.

Anche se sono il tipo che ama essere scioccato di tanto in tanto e che il suo sangue viene pompato più velocemente nelle vene da un film, questo non è esattamente quello che sto cercando quando consulto la sezione horror.

Quando ho scoperto un paio di anni fa che CH non era un vero documentario di persone che molestavano, martellavano, si uccidevano e si mangiavano a vicenda, era un pensiero sollevante e un peso del mio petto e del mio cuore. Tuttavia non sosterrò nessun film che includa il danneggiamento intenzionale di una creatura per catturare le sue urla nel dolore su nastro! Sickening - NO GRAZIE!
data di revisione 02/21/2020
DeeAnn Bunton

Il repulsivo capolavoro dell'orrore di Ruggero Deodato è probabilmente il film horror più controverso esistente. Ne ho sentito parlare e letto per circa cinque anni prima di sedermi finalmente a guardare la versione integrale; il ritardo era dovuto alla mia stessa paura di non avere uno stomaco abbastanza forte da poter sedere attraverso le infinite scene di barbarie e sadismo. Il film divide fortemente il pubblico e anche io sono diviso secondo me; come un pezzo di "intrattenimento" non funziona affatto, perché la natura pessima della narrativa e dell'aspetto grafico non può essere goduta. Ma poi il film deve funzionare come un film "horror", un vero film "horror" che può evocare sentimenti di rabbia, disgusto, persino malattia e paura. Indubbiamente i nuovi metodi di ripresa (dopo il ritmo deliberatamente lento del set-up iniziale, l'ultima metà del film diventa un finto documentario come in THE BLAIR WITCH PROJECT, e altrettanto terrificante) lo rendono il migliore del suo gruppo e il più efficace di tutti. È l'unico film cannibale che si avvicina alla somiglianza di un film mondiale, e gli eventi finali che coinvolgono gli studenti cineasti sono davvero e orribilmente credibili. L'unico modo per guardare questo film è vivere la menzogna, e il risultato è un'esperienza visiva stimolante e inquietante ma in qualche modo gratificante.

Il film è realizzato professionalmente in quanto le riprese sembrano poco professionali, prive di brillantezza e brillantezza, e quindi più realistiche; le varie spedizioni nella giungla trasmettono semplicemente l'atmosfera umida, il costante pericolo della fauna selvatica mortale e delle tribù nascoste. La prima metà del film viene lentamente stimolata e gradualmente si accumula nell'orrore, con scorci su uno scheletro verme (la telecamera ingrandisce le orbite infestate dal cranio marcio) e uno stupro tribale che è effettivamente potente. Tuttavia, rispetto all'ultima mezz'ora, questo è un gioco da ragazzi. Il video apparentemente reale girato dagli studenti è straziante e inquietante, ma non coinvolge i sensi come si potrebbe pensare, principalmente perché gli studenti stessi sono molto peggio delle tribù cannibali che cercano! Le loro azioni sono un catalogo di torture, stupri e anche peggio, mentre impalano una ragazza innocente su un picco (un effetto dolorosamente realistico - ma semplice - speciale) e bruciano un intero villaggio nativo per l'inferno, azioni che ovviamente fungere da catalizzatore per la brutta conclusione.

Ogni cinque minuti viene fuori qualcosa che probabilmente offende o sconvolge lo spettatore da qualche parte, sia che si tratti di momenti grafici di violenza sessuale (forse le parti più difficili del film in cui sedersi, o almeno i più scomodi) o effetti gore economici ma realistici di persone che hanno le gambe tagliate e simili. Le buffonate cannibali del finale sono la parte più potente del film, poiché i cineasti continuano a girare per l'amore del loro documentario. Questo è orribile quanto il film diventa e farà esplodere la maggior parte degli spettatori con un sudore freddo. Sfocando il confine tra fantasia e realtà, CANNIBAL HOLOCAUST include un segmento di filmati di notizie reali che mostrano che gli africani vengono bruciati e sparati che è molto difficile da guardare.

Più difficili da digerire sono le scene della crudeltà verso gli animali (la rovina di questo particolare genere). A nessuno può piacere guardare scene del genere, ma si aggiungono notevolmente alla falsa reputazione del film di essere un film "da fiuto" e la loro inclusione aggiunge al forte impatto che il film ha sugli spettatori.

Per quanto riguarda la produzione, la qualità è di prim'ordine. Il regista Ruggero Deodato si dimostra al vertice della sua carriera e dirige il film che sarà ricordato per sempre. Il lavoro di cinepresa è autentico e la recitazione funziona, soprattutto nel caso degli studenti cineasti che svolgono davvero molto bene i loro ruoli. Il tanto necessario sollievo dalla luce proviene da Robert Kerman (EATEN ALIVE) nei panni del professor Monroe che fuma la pipa, che funge da pubblico nel vedere il filmato scoperto e che riesce a pronunciare la linea immortale "Mi chiedo chi siano i REALI cannibali?" alla conclusione del film. L'aspetto più efficace del film è senza dubbio la colonna sonora emotiva di Riz Ortolani, che si aggiunge davvero all'impatto complessivo che il film ha. È francamente geniale. Piaccia o odio, CANNIBAL HOLOCAUST è un film con una reputazione duratura e penso personalmente che sia una fetta originale e profondamente inquietante di (quasi) horror nella vita reale. È una meravigliosa esplorazione dell'ossessione dei media per la violenza e le lunghezze in cui andranno a sfruttarla e in questo senso è come la versione anni '80 del controverso thriller NATURAL BORN KILLERS.
data di revisione 02/22/2020
Blanding Darry

"Cannibal Holocaust" non è il piccolo film horror campy che mi aspettavo. È un film "serio" e ben fatto ed è un'esperienza che non dimenticherai quasi mai. Secondo la sezione curiosità di il film "può essere visto completamente non tagliato nel DVD di EC-UltraBit", il che significa che ho visto una versione ridotta e che, amici miei, è pazzo! "Cannibal Holocaust" è facilmente uno dei film più grafici che abbia mai visto. La violenza è incredibilmente realistica. Non c'è da meravigliarsi che il regista Ruggero Deodato sia stato portato in tribunale per dimostrare di non aver ucciso persone reali per il suo film. (Penso ancora che il vero massacro di animali nel film non sia stato necessario. Fottiti per questo, Deodato!) È difficile dire se c'è davvero un messaggio o se la "morale" è solo una scusa per tutto il sangue. In un modo strano, le scene violente in qualche modo parlano da sole e trasmettono un qualche tipo di messaggio, ma è aperto alla discussione.

Se mai un film meritava l'etichetta "inquietante", è "Cannibal Holocaust". È controverso, ma vale la pena guardarlo, se riesci a scattare alcune immagini gravemente malate.
data di revisione 02/22/2020
Gretchen Ossenfort

Odio parlare dei film che odio, ma una persona che ama i film non ha alternative, per questo motivo, dato che mi piace parlare dei film che amo, penso che a volte posso parlare dei film che lo odio, ma questa volta è il film odiato fino a questo momento (non credo che comunque abbia cenato con questo pezzo di immondizia).

"Cannibal Holcaust" parla di 4 cineasti che fanno documentari (3 Men and a Woman) che vanno nella profonda giungla del Sud America per filmare sui diversi gruppi di cannibali nascosti che penso che ora siano estinti. I presunti "registi" non compaiono. Tempo dopo, un dottore va nella loro ricerca solo per scoprire che sono stati mangiati dai cannibali, ma hanno trovato anche un nastro. Quindi, tornato in città, il dottore cerca di convincere gli altri che il film non deve essere proiettato. E vedremo perché ...

Per molti, questo film è uno dei migliori mai realizzati (???), per me e per molti altri, questo è solo un film di sfruttamento che va all'estremo. Travestito da film sociale, se vedi le vere intenzioni di Ruggero Deodato, era solo quello di fare un film su Cannibal, ma non come un commento sociale, se non altro come film horror. Posso dire che questo film non è nemmeno male. Naturalmente è meraviglioso che i film trattino argomenti sociali, di culture diverse, di abusi e dominazione dei media (per questo puoi vedere "Shock Treatment" o "Network"), "Cannibal Holocaust" sembra portare quel messaggio, ma in realtà non t. È solo un altro film gore, che non ha altro intento che regalare momenti ripugnanti; il film non ha alcun orrore intelligente. Questo film non ti spaventerà, ti farà girare lo stomaco.

"Cannibal Holocaust" per me è spazzatura, non è cinema e non è arte. Nemmeno una normale colonna sonora di Riz Ortolani può salvarla. E molto tempo mi sorprendo vedere tutte le persone che difendono un film come questo. Certo, mi piacciono e li rispetto. E credimi, cerco sempre di non dire commenti negativi sui film così in fretta, ma non vedo alcun motivo per salvarlo.

Se vuoi vedere un film orribile, totalmente disumano, con animali veri che soffrono fino alla morte (Vale la pena chiarire che tutta la polemica delle vere morti umane erano solo voci e non verità), questo è il film per voi. Se vuoi la vera arte, un vero commento sociale, un vero film horror o solo un buon film ... non ci pensare nemmeno ... non guardarlo.

Il soldato ha avvertito, non morire in guerra.

* Ci scusiamo per gli errori ... beh, se ce ne sono.
data di revisione 02/22/2020
Casper

L'olocausto del cannibale è immondizia nel suo peggio assoluto.

Prima di tutto, questo film è comunemente definito "inquietante". Davvero, le uniche due cose veramente inquietanti di questo film sono le uccisioni di animali e la terribile atroce recitazione, regia e scrittura. In primo luogo, non era assolutamente necessario che gli attori uccidessero animali reali. Questo è un lavoro di hacking (sia letteralmente che figurato) nel suo peggio assoluto, al sacrificio di bestie indifese. Guardare una tartaruga decapitare ed eviscerare non rientra nella categoria della visione piacevole per me.

Come per tutto il resto in questo film, che rozzo, barbaro, tentativo amatoriale di fare film. Le persone parlano degli effetti speciali in modo così convincente. Ero così convinto, infatti, quando ho visto i cannibali perdere palesemente pugnalare la ragazza con le loro lance che avrei riso, se non fossi stato così impressionato da quanto sia patetico questo film. E perché, oh, perché questi "documentaristi" cercano di distruggere villaggi, uccidere abitanti di villaggi innocenti e donne stuprate? I documentaristi non dovrebbero evitare di interagire con i destini dei loro soggetti? I quattro cineasti erano così odiosi e decisamente crudeli e malvagi, che mi sono davvero divertito quando i cannibali li hanno uccisi e mangiati.

Il capolavoro di Deodato è un lavoro a basso costo che nelle mani di un regista di talento avrebbe potuto essere inquietante. Sono solo disturbato dal fatto che ho impiegato 1 ora e 37 minuti a guardare questa atroce immondizia quando avrei potuto salvare una tartaruga.
data di revisione 02/23/2020
Robenia

Questo film avrebbe potuto facilmente essere un 9 o un 10 perché è davvero un capolavoro inquietante e ti fa davvero pensare a ciò che consideriamo civilizzato. Il motivo per cui lo classifico così in basso è che è ridicolo che i massacri di animali siano stati fatti usando animali vivi (7 animali sono stati uccisi durante la realizzazione di questo video, anche se ne vengono mostrati solo 6) che era completamente inutile come chiaramente avevano le capacità di rappresentare scene realistiche di omicidio / massacro / stupro / gore, come dimostrato da tutti gli eventi raccapriccianti che caratterizzano gli umani. L'unica cosa positiva che ne viene fuori è che pochissimi film in seguito hanno mai usato animali reali, a causa di tutti i contraccolpi ricevuti da questo.
data di revisione 02/23/2020
Perlis Westenberger

Il Cannibal Holocaust è davvero uno dei film più inquietanti e scomodi che abbia mai visto. Rilasciato nel 1980, Cannibal Holocaust ha guadagnato negli anni una reputazione come uno dei film più controversi mai realizzati, e giustamente. È difficile raccomandare un film come questo, soprattutto considerando tutta la brutale violenza sullo schermo, lo stupro, lo smembramento, le mutilazioni genitali e le vere uccisioni di animali. Tuttavia, che tu sia un fan o no, devi ammettere che è un film molto ben fatto. Dai suoi effetti visivi scioccanti al suo realismo cupo, Cannibal Holocaust è un film molto efficace che riesce a farsi strada. Ci mostra un lato molto brutto e oscuro dell'umanità che la maggior parte delle persone vorrebbe credere non esista. Il film ha anche una base di fan piuttosto sporadica, con registi famosi come Oliver Stone, Quentin Tarantino e Sergio Leone che presumibilmente ne hanno tutti confessati i fan. Se stai cercando un film horror divertente da guardare con gli amici, questo non è sicuramente uno di questi. È molto inquietante e ti fa sentire orribile dopo averlo visto. Questo film non è per i più schizzinosi, deboli di cuore o facilmente offensivo, consigliato solo ai fan più accaniti dell'orrore. Sei stato avvertito.
data di revisione 02/23/2020
Jeaz Brisbone

diretto dal maestro ruggero deodato italiano, 'cannibal holocaust' è un capolavoro ossessionante, magnificamente filmato. Deodato, noto per una spruzzata di eroto-horror per lo più risibili, ha colpito nel segno con alcune immagini meravigliose, in particolare "casa ai margini del parco", "olocausto della giungla" e questo, il suo più grande film. immagini contrastanti potenti e orribili con una splendida colonna sonora melodica del compositore Riz Ortolani. l'aspetto più impressionante del film, tuttavia, è il notevole super-realismo. ho visto pochissimi film horror, se presenti, recitati con tanta passione e naturalezza. il film è sfruttatore, estremo, brutale e meraviglioso ... guardalo!
data di revisione 02/23/2020
Clawson

Lo scopo originale dell'elenco Video Nasties redatto nel Regno Unito negli anni '1980 era quello di placare l'isteria guidata dai media proveniente dai film nel mercato dei video non regolamentati e con rappresentazioni esplicite e di sfruttamento di gore e / o sesso e che, di conseguenza, erano visto come una minaccia alla moralità pubblica. In questi giorni sembra tutto così degno di scrollare le spalle come, spogliato dall'isteria, la maggior parte dei Video Nasties fallisce invariabilmente senza alcun effetto sullo spettatore e si rivelano i cattivi film che sono. "Cannibal Holocaust" contrasta in larga misura questa tendenza sia avendo un punto intelligente da esprimere sulla barbarie dell'umanità (tanto rilevante allora quanto oggi) e farlo in un modo che, nonostante qualche recitazione e regia irregolari, conserva il potere di sfidare e scioccare anche il più appassionato appassionato di cinema moderno, cioè io.

La trama del film vede il professor Monroe viaggiare nella giungla sudamericana per scoprire cosa è successo a un gruppo di tre cineasti che sono scomparsi. Alla fine trova una tribù primitiva che sembra avere le bobine di film perduti della troupe di documentari e attraverso l'amicizia la tribù riesce a recuperarli. Di ritorno in città, i film vengono mostrati ad alcuni dirigenti e vengono svelati tutti gli orrori della spedizione. Finora, lo sfruttamento così tipico di Video Nasty ?? ma sia la rappresentazione realistica di alcuni degli orrori attraverso il formato di metraggio trovato (che questo film fondamentalmente è iniziato e che andrebbe a generare simili a "The Blair Witch Project" (1999) e 'Cloverfield' (2008)) sono così ben fatti che c'è una storia che al termine del film e al ritorno in Italia il regista era sospettato di aver effettivamente ucciso gli attori nel film e ha dovuto rintracciarli per dimostrare che non lo era un film di tabacco da fiuto. Apocrifo o no, la storia cattura l'umore del film e, in effetti, le scene di crudeltà sugli animali sono in realtà reali e possono disturbare sinceramente alcuni spettatori.

Tuttavia, la violenza non è per nessuna buona ragione. Il film non tratta dell'intrattenimento in alcun modo e si propone invece di indurre il pubblico a guardare la società con un occhio critico e a lanciare lo stesso occhio critico sulle nostre sporche riflessioni. Il film lo fa giocando con le simpatie del pubblico e mostrando che, piuttosto che i cannibali siano i selvaggi primitivi, immaginiamo che siano all'inizio, i cineasti e i dirigenti "civili" sono ugualmente, se non di più, barbari e senza cuore. Inoltre, il film evita la trappola del moralismo pesante e mostra invece la malattia e la brutalità insite in tutti noi. Roba pesante, e davvero non per quelli di una disposizione nervosa o per quelli che si dilettano in tipici video brutti film-splatter-fest.
data di revisione 02/24/2020
Orfield Bohnker

Il Cannibal Holocaust merita molto la sua polemica, ma sicuramente non è pacchiano e per puro valore di shock, qualcosa che mi aspettavo a metà (ho scoperto questo film mentre leggevo i film di August Underground ed ero molto più incuriosito da un film controverso con significato e trama ). È nella tua faccia, almeno sembra reale (ed è reale in alcune parti). Non ho mai visto effetti speciali così convincenti in un film e questo era un film degli anni '70 a basso budget, CGI non lo avrebbe mai ricreato. Ma oltre agli effetti speciali c'è un messaggio, un significato e una storia molto avvincente.

Suddividerò la recensione in sezioni.

Trama / storia (9/10): pensa a The Blair Witch Project, tranne per non provare a rimandare come reale. Un gruppo di 4 documentari si reca nella giungla amazzonica per filmare i "selvaggi" e i cannibali che vivono lì. Non ritornano e spetta a un antropologo trovarli o almeno ciò che restava di loro. Durante tutto il film apprendiamo la tendenza dell'equipaggio del documentario a spingere e corrompere le persone nel commettere atti estremi di violenza attraverso filmati reali di persone uccise dai soldati in Nigeria. Il film lo ritrae come se fosse un documentario girato dall'equipaggio in cui hanno pagato i soldati per uccidere lo stile di esecuzione di persone innocenti. Man mano che la storia procede, lo spettatore è costretto a cercare di capire chi sono esattamente i veri selvaggi. Per non parlare delle sfumature sociali di come la società moderna si lega a tutto ciò. Perde un punto, però, perché il dialogo a volte è molto incerto, anche se si può dire che stavano cercando di essere realistici, ma questo ostacola gli attori, soprattutto con la loro mancanza di esperienza.

Recitazione (7/10): è qui che soffre il film. Migliora con il progredire del film e le cose diventano più intense (questo può essere fatto per le moralità reali degli attori e per come si sono sentiti circa il film che si manifesta nei loro personaggi). Ma quando inizia, mi viene quasi in mente il b-film di Campy. La presentazione cinematografica e il puro intrigo sono ciò che mi ha fatto andare avanti. Ancora una volta, tuttavia, la sceneggiatura ha ovviamente fornito alcune sfide agli attori.

Cinematografia (10/10): A proposito di presentazioni cinematografiche, questo film lo fa magnificamente, anche dalla ripresa iniziale di un elicottero che sorvola la foresta pluviale. Gli aspetti dello studio e dello stile cinematografico del film sono molto convincenti e ben fatti. Hollywood non potrebbe fare di meglio con un budget di 10 milioni di dollari. La creatività e l'uso dei primi piani ti coinvolge davvero e inizi a mettere in discussione la realtà anche della parte del film presentata come immaginaria. E questo non copre nemmeno l'ottimo lavoro mockumentary. La comprensione da parte del regista di come vengono realizzati i documentari e di come funzionano è estremamente convincente. l'uso di scene normali dell'equipaggio in un modo di scherzare aiuta davvero a presentare un sentimento di realtà. E gli aspetti del film limitato e dello stile di ripresa amatoriale / spontaneo sono quasi abbastanza convincenti da far pensare allo spettatore di aver usato filmati reali per costruire un film di fantasia.

Audio (10/10) Ancora una volta, mi viene in mente Apocalypse Now. La musica è melodica e in qualche modo pacifica, aggiungendo un tono davvero inquietante al tema serio e macabro del film. Sono però molto gli anni '70, e non mi aspetterei qui la stessa colonna sonora in un nuovo film, anche se alcuni dei sapori musicali sono davvero senza tempo. E ci sono alcune partiture più intense nel film, ma non sono troppo intense come la maggior parte di Hollywood oggi. Quindi entriamo nel sound design, che è molto convincente, le lacrime e le urla suonano tutte vere, o come mi aspetterei che suonino. Il nuovo mixaggio con lo stereo va bene e aiuta davvero a immergere lo spettatore.

Sulla violenza animale: questa è una cosa che pensavo potesse disturbarmi. Le scene di animali in Amorres Perros mi hanno disturbato anche se non erano reali, ma questo era reale e non ero così turbato da loro. La gente ha detto che l'uccisione degli animali è inutile e non aiuta la trama del film, ma mi sento diversamente. Porta alla luce che devi uccidere per sopravvivere. I documentari uccidono 6 animali (uno è un ragno, che alcuni potrebbero non contare, lo faccio) sullo schermo e 1 viene ucciso fuori dallo schermo. E ovviamente infastidisce un po 'gli attori (nota: quando vedi il vomito, è davvero reale). Ma gli animali vengono mangiati. E tutto ciò si aggiunge alla realtà del documentario. Sarebbe stato falso in parte. Inoltre, pensa all'industria della carne oggi. Centinaia di migliaia di mucche e maiali macellati e milioni di polli e tacchini macellati ogni giorno in modi raccapriccianti, solo così possiamo mangiarli. "Solo perché non lo vedi, non significa che non accada". La nostra società aggrotta le sopracciglia sull'uccisione di animali, ma quell'hamburger non appare magicamente. Il sangue doveva essere versato per il nostro piacere culinario.
data di revisione 02/24/2020
Artema

L'olocausto del cannibale è un'esperienza visiva davvero carica; in tutti i suoi 20 anni di esistenza nessun altro film non mondiale (fino a quando forse Men behind the sun) ha avuto una tale reputazione da scioccare, anche oggi è ritenuto da alcuni agli standard commerciali del Regno Unito un vero film da fiuto. CH non è il film più cruento mai realizzato, ma in termini di temi e narrativa è ancora il film più cruento e più affascinante del genere horror. Ho visto tutte le tracce della morte, gli uomini dietro i film del sole e le cavie e penso ancora che questo sia re. È semplicemente così ben fatto, recitato, atmosferico e la brillante colonna sonora di Riz Ortalani fa da sfondo alla scena. Il finto stile documentaristico non scivola mai. Ma forse la cosa più inquietante di CH è che si tratta di un film sullo sfruttamento, e le scene di crudeltà sugli animali (e persino di esseri umani) sconvolti perché vengono mostrati per promuovere una risposta ... dovresti distogliere lo sguardo o no? Come ho detto Il Cannibal Holocaust è un'esperienza davvero unica, non una novità Gory come Cannibal Ferox, e in questo periodo di maggiore copertura mediatica dell'atrocità della vita reale è forse pertinente? Forse è solo una cattiva crudeltà, forse ti delude anche ... devi solo vederlo per valutare la tua risposta. Per me almeno è un classico.
data di revisione 02/24/2020
Viglione Evanson
La seconda parola nel titolo è importante. Il film meta-snuff del 1979 di Ruggero Deodato, molto più di un ninnolo chichi come THE NIGHT PORTER, è il vero porno dell'Olocausto. Qui il grilletto non è spavento, o persino shock, o addirittura schizzi. L'atrocità è il nome del gioco di Deodato - e il genio di questo capolavoro è che Deodato consegna in modo orribile le merci nello stesso momento in cui incorona il suo pubblico e se stesso.

Questo è un film difficile da consigliare a chiunque tranne che lo troverebbe comunque; ma bisogna dire che Deodato qui creò il film più rigoroso, critico, quasi filosofico nel canone horror italiano. La lussuria del pubblico per l'esotismo del Terzo mondo e la violenza che spinge le buste sono gratificate e sostenute dalla dolorosa luce del giorno - e non necessariamente in questo ordine. La sensazione travolgente di questa foto è quella di un pornografo che supplica "Smettila prima di scattare di nuovo".

L'idea del film - un viaggio accademico in Amazzonia per trovare i resti di una troupe cinematografica occidentale divorata dai cannibali - consente a Deodato più scatole pirandelliane all'interno di scatole di una doppia fattura di BLOWUP e THE PLAYER. Ma l'atmosfera del film, nonostante le scene di crudeltà così estreme che a volte vuoi mettere in mostra i tuoi occhi, è implacabilmente elegiaca - ricoperta dalla musica a tema di Riz Ortolani. (Si può dire con certezza che nessuna ballata romantica è mai stata usata sotto ciò che Deodato mette in scena qui.)

CANNIBAL HOLOCAUST è il limite più lontano del cinema estremo - come negli sport estremi. Sembra acrobatico, ma la combinazione di sete di sangue amplificata e rimpianto stanco del mondo è unica. Come il CAT IN THE BRAIN ancora più personale di Lucio Fulci, è una toccante rappresentazione della coscienza di un artista dello sfruttamento che si lacera.

Potrebbe essere una buona visione per Y2K Eve: mette insieme le due parole salienti del secolo - olocausto e intrattenimento - come nessun altro film ha fatto prima o dopo.

Lascia una valutazione per Cannibal Holocaust