Homepage > Comedy > Musical > Romance > Singin 'in The Rain Valutazione

Singin 'in The Rain (1952)

Originaler Titel: Singin' in the Rain
IMDB 8.3
Premiato
17
Bene
2
Media
0
Male
0
Terribile
0
data di revisione 02/21/2020
Pearman Hileman

Riesci a immaginare? Io, amante del cinema dall'età di sei anni, non vedevo "Singing In The Rain" fino a ieri sera. Ne avevo letto e sentito così tanto nel corso degli anni che sapevo che sarei stato deluso. Come musical non ho mai visto nulla di così perfettamente "in sintonia", posso vedere quanti registi sono stati influenzati dall'anima di questo splendido film. Ho visto anche Federico Fellini qui. La routine di tip tap con Gene Kelly e Donald O'Connor è così energica che volevo vederla ancora e ancora. Il numero fantasy con Gene Kelly e Cyd Charisse è mozzafiato, mozzafiato! È straordinario vedere Debiee Reynolds attraversare il contagioso (Buongiorno! Buongiorno!) L'avevo vista poche sere prima come madre di Grace in "Will and Grace". Non ha perso il gusto. Sono sicuro che vedrò questo film molte volte e ho intenzione di mostrarlo ai giovani della generazione post MTV e scommetto con me stesso che lo adoreranno. La grandezza è senza tempo.
data di revisione 02/21/2020
Elwira Sasson

Don Lockwood (Gene Kelly) e Lina Lamont (Jean Hagen) sono una famosa coppia di Hollywood, che realizza film alla fine dell'era silenziosa. Lo studio ha pubblicato le PR suggerendo che sono un oggetto romantico. In realtà, riescono a malapena a sopportarsi. Una notte, mentre è in città con il suo migliore amico Cosmo Brown (Donald O 'Connor), Lockwood deve correre per sfuggire ai fan che vogliono un pezzo di lui abbastanza gravemente da strappargli letteralmente i vestiti. Salta su un certo numero di veicoli in movimento e finisce sul sedile del passeggero dell'auto di Kathy Selden (Debbie Reynolds). Lockwood sembra immediatamente preso con lei, ma lei gli dà la spalla fredda. Dice di essere un'attrice appassionata di teatro e di guardare in basso la recitazione cinematografica. Più tardi, Lockwood scopre che stava gonfiando un po 'la verità, mentre vede Selden esibirsi come una canzone carina &; ragazza da ballo a una festa del settore che sta frequentando. Esce dalla festa e Lockwood la insegue, ma è troppo tardi. Mentre cerca di rintracciarla, lui, Lamont e il loro studio devono fare i conti con la natura mutevole del film nel 1927 - resa molto più difficile dal fatto che Lamont può sembrare affascinante, ma parla più come Fran Drescher in "The Nanny "(1993).

A parte gli aspetti più seri della trama, Singing in the Rain è un grande successo come storia d'amore e musical. Ha anche un aspetto Technicolor incredibilmente ricco ed è affascinante e divertente. Kelly e Reynolds fanno clic sullo schermo, anche se fuori dallo schermo Kelly, che ha anche co-diretto e co-coreografato, era notoriamente difficile lavorare con lui - guidava Reynolds così duramente (era una ballerina molto più inesperta) che i suoi piedi iniziarono letteralmente a sanguinare a un certo punto. Le canzoni sono fantastiche, hanno lavorato bene nella storia - il che è forse sorprendente dato che la maggior parte di loro non è stata scritta appositamente per questo film - e la coreografia è impeccabile, spesso sbalorditiva e sempre esteticamente meravigliosa e sublime. Se non altro, il film vale la pena dare un'occhiata ai suoi numeri di danza spesso atletici, che possono assomigliare alle vistose acrobazie delle arti marziali di Jackie Chan tanto quanto alla danza. È anche una visione imperativa dell'alfabetizzazione culturale nel regno del cinema.

Ma anche gli aspetti più seri della trama sono affascinanti. In modo significativo, Singing in the Rain riguarda la tecnologia cinematografica. La tecnologia cinematografica è il cardine della trama, dopo tutto. Il climax e il dénouement sono decisi dall'avvento del suono sincronizzato nell'industria cinematografica. Vediamo la testa dello studio RF Simpson (Millard Mitchell) che mostra film sonori alla festa in cui Lockwood vede Selden per la seconda volta, fornendo due grandi punti di svolta contemporaneamente. Ci sono sequenze di attori che si dirigono verso gli istruttori di dizione, come è accaduto nella realtà una volta che il suono è entrato nella scena, e anche nella realtà come nel film alcune carriere dell'attore sono state messe a repentaglio dal dover improvvisamente padroneggiare una nuova abilità.

Ma Singing in the Rain riguarda anche la tecnologia a un altro livello. Kelly e il co-regista Stanley Donen fanno di tutto per assicurarsi che il film sia un esempio di tecnologia cinematografica all'avanguardia nel 1952. Ad esempio, la splendida cinematografia Technicolor è enfatizzata dai favolosamente colorati costumi e design di produzione- -si stanno sfoggiando un colore all'avanguardia. Il suono è buono come potrebbe essere nel 1952, e il fatto che questo sia un musical aiuta a dimostrarlo. I set e gli effetti sono complessi e si tenta anche di metterli in mostra.

Donen e Kelly interpretano spesso l'artificialità dei set e degli effetti per enfatizzare l'arte e la tecnologia. Ciò è chiaramente mostrato nella sequenza "Make 'Em Laugh" (e negli eventi circostanti) e nella sequenza estesa "Broadway Rhythm Ballet" con Cyd Charisse. Mettere in mostra questo talento artistico e tecnologico si presenta anche in modo molto sottile, come nel caso della pioggia nella sequenza "Cantando sotto la pioggia". Ancora oggi, le macchine per la pioggia sono spesso impiegate in modo tale che sembra piovere sul film, ma in realtà è sufficiente copertura per produrre l'illusione. Nella sequenza "Cantando sotto la pioggia", si assicurano che tu possa vedere l'intera area che viene allagata e usano l'ombrello di Gene Kelly, mentre torrenti d'acqua rimbalzano su di esso, per sottolineare che non importa dove vada ". la pioggia "si sta riversando su di lui.

Mentre ci sono molti musical che mi piacciono tanto quanto Singing in The Rain, questo è uno degli esempi più amati di quel genere, e per una buona ragione. Qualunque amante della musica lo ha sicuramente già visto, e in caso contrario, dovrebbero esaurirsi ora e raccoglierlo su DVD. Se non hai familiarità con i classici musical di Hollywood, questo è uno dei posti migliori da cui iniziare.
data di revisione 02/21/2020
Mozes Osaile

L'anno scorso sono stato molto fortunato a vederlo sul grande schermo. Questo film è pensato per essere visto sul grande schermo! È stata anche la prima volta che l'ho visto nei cinema e sono rimasto molto colpito dalla grafica.

In questo film i film passano dall'essere muti a essere "talkie". Tuttavia, il film è una parodia del tumulto che ha afflitto l'industria cinematografica alla fine degli anni 1920, quando i film quando il passaggio è passato dal silenzio al suono. Quando due star del cinema muto, Don Lockwood e Lina Lamont, l'ultimo film viene trasformato in un musical, una ragazza coro viene coinvolta nel doppiaggio per parlare e cantare di Lina. Don è in cima al mondo fino a quando Lina non lo scoprirà.

Questo è un film così bello che se hai la possibilità di vederlo al cinema, fallo.

Gene Kelly e Debbie Reynolds hanno fatto una squadra fantastica.
data di revisione 02/21/2020
Walli

Non mi piacciono i musical. Non hanno mai avuto senso per me. Non fraintendetemi, adoro la musica; è una parte importante della mia vita. Adoro anche i film, e mentre i due si complimentano spesso a volte, a volte sono respinto. Probabilmente è la danza. Una persona che si rompe in un numero di danza complicato, apparentemente inconsapevole di ciò che lo circonda, o peggio ancora, in completa sincronia con uno sconosciuto completo è come prendere in giro il film, come per dire: "Per favore, non prenderci sul serio, ci piace cantare e ballare ". O ancora più ridicolo, "Non combattiamo, risolviamo questa disputa con una canzone e una danza". Dimentica la sospensione dell'incredulità.

Questo film, tuttavia, riesco a divertirmi. Una volta mi è stato affidato il compito del mio insegnante di cinema di guardare il film e tenere traccia di tutti i tagli del film. Bene, dopo dieci minuti ho perso le tracce perché ero così coinvolto nella storia. È davvero un periodo interessante nella storia del cinema, raccontato bene, con numeri di canzoni e balli ben posizionati che a volte trascinano avanti, ma sembra essere più una scusa per sfoggiare il technicolor di ogni altra cosa. Ti costruiscono lentamente. I primi numeri non scoppiano in un momento inappropriato. Non dura però, ma a quel punto ti hanno preso.

Con melodie memorabili come queste, è difficile immaginare che stiano sbagliando. Quando Gene Kelly canta il pezzo del titolo, in qualche modo il tempo si ferma mentre vieni travolto in una delle scene più memorabili della storia del cinema. La sola lettura del titolo in stampa ti ha probabilmente indotto a canticchiare qualche battuta o a cantare qualche parola. O forse, solo forse, uscire senza un ombrello quando sai che sta piovendo. Una cosa è certa, se tutto ciò che Gene Kelly ha fatto è stato coreografare i numeri della danza, merita più che il credito di co-regia che ha.

Semplicemente non fanno più film come questo. Che per certi versi è una testimonianza del tema e della narrazione del film. Il business dello spettacolo è costantemente in uno stato di evoluzione. La narrazione descrive un periodo in cui i film muti venivano sostituiti da "talkie" con il suono, eppure il genere musicale stesso è quasi del tutto scomparso, ad eccezione dei film animati con numeri musicali e di rari pezzi dal vivo.

Si potrebbe ipotizzare che Hollywood abbia esagerato con il musical. Personalmente, non posso entrarci. La maggior parte delle volte sembra un affare complicato, ma questo film è qualcosa di speciale. Considerando i miei sentimenti per i musical, dovrei fare un film di questo calibro per farmi sedere e prendere nota.
data di revisione 02/21/2020
Sheffy Kritz

Il passaggio dall'era del cinema muto alla tecnica dei "talkie" appena arrivata si rivelò la rovina di molte star affermate che erano fantastiche sullo schermo, ma che non avevano una formazione professionale in teatro, o altro, e avevano orribili voci che parlano. Pertanto, una stella della grandezza di Lina Lamont, subisce un duro colpo alla sua carriera e al suo ego.

Questa è la base di uno dei migliori film sulla vecchia Hollywood di tutti i tempi: "Singin 'in the Rain". Il film è uno dei classici grazie alla meravigliosa regia di Gene Kelly e Stanley Donen, due uomini che conoscevano molto i musical. La sceneggiatura è di una delle migliori persone del settore, Betty Comden e Adolph Green.

MGM è stato lo studio che ha impiegato tutte le star che si vedono nel film e che cast hanno messo insieme: Gene Kelly, Donald O'Connor, Debbie Reynolds, Jean Hagen, Cyd Charisse in una parte da ballo, Millard Mitchell e Rita Moreno. Come se quei nomi non fossero abbastanza grandi, ci sono dei fantastici numeri musicali che persino, osservandoli oggi, hanno mantenuto la loro freschezza grazie alla cura con cui questo film è stato realizzato.

"Singin 'in the Rain" è uno dei migliori musical di tutti i tempi. È proprio lì con il meglio di loro grazie alla visione di Gene Kelly e Stanley Donen e vivrà per sempre mentre più persone scoprono questo meraviglioso esempio di intrattenimento.
data di revisione 02/21/2020
Lucille

Questo non è il mio preferito di tutti i tempi (che va a "Meet me in St. Louis"), ma è sicuramente tra i primi 10. Questa è una commedia musicale fittizia degli anni '1920, quando i film muti diventarono "talkie". Descrive in che modo colpisce Don Lockwood (Gene Kelly), la sua protagonista Lina Lamont (Jean Hagen), la migliore amica Cosmo (Donald O'Connor) e la nuova fidanzata di Lockwood Kathey Selden (Debbie Reynolds). Il problema è che Lina ha una voce in grado di tagliare il vetro e non gli piace la caduta del legno per Selden ...

Questo film ha un momento saliente dopo l'altro. Quasi tutti i numeri sono fantastici: la melodia del titolo, "Make 'Em Laugh", "Beautiful Girl", "Good Morning" e così via. I miei due preferiti sono due brevi: "Fit as a Fiddle", che ha incredibili balli di Kelly e O'Connor e "Vuoi?" alla fine. Kelly non è una buona recitazione (non lo è mai stato) ma la sua danza è superba; Reynolds (solo 19 quando lo ha fatto) è bellissima, energica e piena di vita; Hagen è esaltante nei panni di Lamont (è stata nominata per un Oscar - avrebbe dovuto vincere!) E O'Connor è eccezionale come Cosmo (il suo numero "Make Em 'Laugh" ha una danza strabiliante). È difficile credere che Reynolds e O'Connor odiassero lavorare con Kelly (era odioso, MOLTO esigente e tiranno) - è un merito alla loro recitazione che non arriva mai.

Ho solo una (piccola) lamentela: il grande, elaborato numero di produzione con Cyd Charisse nel mezzo. Sembra fantastico e colorato, ma fa fermare il film ed è troppo lungo. Alla fine ho difficoltà a ricordare da dove era stato interrotto il film! Tuttavia, questo è un piccolo problema. Questo rimane uno dei 10 migliori film musicali mai realizzati. Altamente raccomandato!
data di revisione 02/21/2020
Armington Breckel
Molte cose buone possono essere e sono state dette su questo e sono tutte vere. È un film fantastico. Il numero del titolo ci dà Don Lockwood (Kelly) ... Innamorato come nessun altro è mai stato innamorato, senza dubbio. Esce dalla porta e sta piovendo ma è ignaro della pioggia. Chi ha bisogno di un ombrello quando hai le ali sul tuo cuore e sui tuoi piedi? Non l'incomparabile Gene Kelly perché ci tratta del singolo momento più bello della storia del cinema. Non perdere questo.
data di revisione 02/21/2020
Lebaron

Gene Kelly e Stanley Donen hanno prodotto il miglior musical scritto direttamente per lo schermo. Hanno usato il periodo nella storia del cinema durante il passaggio ai film sonori e lo hanno ricamato con il meraviglioso libro di canzoni di Arthur Freed e Nacio Herb Brown. La ciliegina sulla torta, ovviamente, è la coreografia di Kelly e Donen. Dal primo momento, il film prende il volo mentre Kelly racconta la storia della sua ascesa come star del cinema muto con il suo compagno, l'incomparabile Donald O'Connor. Guarda i piedi volanti di O'Connor e Kelly nel numero "Fit as a Fiddle". Non c'è niente di meglio di così. Tutti hanno familiarità con la classica sequenza "Singin 'in the Rain". Il numero isterico di "Make 'em Laugh" di Donald O'Connor è probabilmente il musical più divertente di tre minuti nel film. Anche il Broadway Ballet è un caleidoscopio di colore e movimento, con un minimo della coreografia balistica di alto livello trovata nel successivo "An American in Paris".

Ciò che rende "Singin '" un classico così divertente è la sua superba integrazione di commedia e musica. Jean Hagen offre la performance della sua vita nei panni della star del cinema muto con difficoltà vocali, Lena Lamont. Ogni scena in cui è è una gemma comica. La sua voce "unghie su una lavagna" e il massacro della lingua inglese la rendono una figura ridicola. Tuttavia, alla fine, quando finalmente ottiene la sua presenza, non si può fare a meno di sentirsi un po 'dispiaciuta per lei.

Questo delizioso film è stato presentato in video. Su VHS può essere acquistato con la colonna sonora rimasterizzata completa su CD. Le versioni laserdisc includono una con il commento dello storico cinematografico Ronald Haver (Criterion) e la versione solo film di MGM / UA Home Video con una colonna sonora stereo Dolby Digital restaurata., Ultimo, ma non meno importante, è un rendering magistrale su DVD con, sfortunatamente, nessun materiale supplementare di cui parlare.

Questo è davvero un film per tutti i tempi che può essere visto solo per il suo valore di intrattenimento e studiato come probabilmente l'apice del musical di Hollywood nella sua epoca d'oro.
data di revisione 02/21/2020
Yong

Si pensa da tempo che l'era musicale sia nata per puro entusiasmo per la capacità di mettere il suono sul film. E mentre il caso contiene acqua, non è del tutto corretto. Come Singin 'In the Rain, mostra così eloquentemente; la commedia, il fascino, la musica e la danza possono essere rappresentati con successo in un film.

"Singin In the Rain", è anche generalmente noto come il più grande musical di tutti i tempi. Roger Ebert, il compianto Gene Siskel, Leonard Maltin e molti altri importanti critici concordano con tale opinione. La trama nacque da una canzone e ne usò altre che esistevano da molti anni, da quando i "talkie" sono nati alla fine degli anni '20. La sceneggiatura è stata scritta secondo le canzoni. Anche se il cast era stato lanciato e rifuso più volte; il risultato finale fu una chimica perfetta. La combinazione del talentuoso Gene Kelly (probabilmente 1 dei 2 migliori ballerini di film di sempre) e Debbie Reynolds ha funzionato molto bene, nonostante le complicazioni sorte dal set. E Donald O'Connor è nato per il ruolo di Cosmo Brown, il miglior amico di Don Lockwood di Kelly. Il suo ingegno mantiene il film fresco e divertente. Se prendessi da bere per ogni osservazione intelligente che faceva, saresti ubriaco, prima che Lockwood prenda la ragazza!

Tutti i personaggi di questo film sono dinamici, tranne Cosmo Brown e Lena Lamont (interpretato da Jean Hagen). Questo è stato perfetto per ciò che era richiesto, perché questo film avesse successo. Questo aiuta il film a muoversi, dove altri musical falliscono. È qui che entra l'ironia; poiché questo film è stato scritto al contrario di questa filosofia. Essere in grado di incorporare canzoni di qualità in una trama di qualità è un'abilità che nessuno studio ha mai imparato, fino ad oggi. Perfino MGM, che era noto come il "re dei musical", falliva più spesso di quanto riuscisse. Fino ad oggi, nessuno l'ha dominato; sebbene Disney abbia quasi raggiunto le proporzioni di MGM con il suo dipartimento di animazione.

All'inizio del film, la premiere di uno dei famosi film di Lockwood / Lamont si svolge per "The Royal Rascal". All'arrivo delle stelle, una ad una, arriva Cosmo Brown. Poco dopo arrivano Lockwood e Lamont. Lockwood racconta una `storia 'di come lui e Cosmo arrivano alla celebrità. Per celebrare l'uscita, c'è una festa a casa del produttore dello studio. Ma per arrivarci, Lockwood deve seguire una rotta diversa rispetto a tutti gli altri, trovando Kathy Selden (Debbie Reynolds) nel processo. Dopo alcune belle sorprese e incidenti, Don subisce un attacco di coscienza. Dopo averla finalmente trovata, si rende conto che si prende cura di lei. Nel frattempo, Cosmo Brown mantiene le sue buffonate e la sua natura divertente. Il sollievo comico non è mai sbagliato in questo film. Presto Lamont viene a conoscenza del romanticismo e dipende da qualcosa, ma cosa? Cosa pensi che sia, "scemo o qualcosa del genere?"

Il co-regista (anche co-diretto da Gene Kelly) Stanley Donen ha definito la sequenza di danza "Moses Supposes" con Kelly e O'Connor, la migliore sequenza di danza di sempre. Sono d'accordo che è nella Top 3, ma non il migliore, che è in un altro film; che Donen ha diretto, per un'altra recensione. Tutti i numeri di questo film sono memorabili, mentre la maggior parte degli altri film non lo sono.

C'è solo una detrazione in questo film. È la sequenza di "Broadway Melody". Comincia con un altro numero di canzoni e danze interessante e divertente di Mr. Lockwood, cercando di convincere il suo produttore di qualcosa. Ma la scena diventa troppo lunga e superflua. Cyd Charisse è un talento incredibile, ma il numero di danza che ha nel film avrebbe dovuto essere cancellato. È affascinante, ma è fuori posto in questo film. Questa sequenza di 13 minuti dovrebbe essere terminata a circa 7-8 max. Tuttavia, questo dettaglio è così minuto, che non è una cattiva detrazione. Quando questo film è stato rilasciato nel 1952, si è aperto a recensioni tiepide e incassi medi al botteghino. Non è stato fino al decimo anniversario, che la gente ha iniziato a notare che Singin 'In the Rain era speciale e da allora è stato conosciuto come tale. L'AFI, quando pubblicò la sua lista di "I 10 film più belli di sempre", classificò questo film n. 100, per metterlo al massimo dei voti per un musical di qualsiasi epoca e collocare la signora Debbie Reynolds come metà dell'unica madre / combinazione figlia nell'elenco *. "Singin 'In the Rain" è sempre divertente da guardare, il film è stato anche recentemente pubblicato in DVD con tonnellate di extra. Per quanto durevole sia la tendenza al lampione di Mr. Kelly, così questo film fa eco ai sentimenti di Mr. Lockwood di nulla; nient'altro che pura gioia.

Valutazione personale: 99 su una scala da 100 punti

* Nota-ms. La figlia di Reynolds, Carrie Fisher, è apparsa nel film n. 15 di AFI, Star Wars.
data di revisione 02/21/2020
Ferdie
Spoiler qui.

Questo è un film quasi perfetto dal mio punto di vista: sembra naturalmente improvvisato. I suoi episodi sono radicalmente discontinui, ma sembrano transizioni fluide. Ha molti numeri, tra cui l'incomparabile Cyd Charisse.

Ma ciò che lo mette davvero nella mia lista dei "must see" è il profondo auto-riferimento. Superficialmente, è un film su un film, ma in realtà il pieghevole è molto più complesso, persino psichedelico. La struttura narrativa è flashback, flashforward, sul film, IS il film, sullo sciocco dietro al film (stranamente, le canzoni non cinematografiche di Debbie sono state soprannominate da qualcun altro!). Ha astrazioni nidificate e comprese. Ha diversi modi di funzioni annotative. E il film interno stesso cresce mentre guardiamo per avere un annidamento interno di diversi tipi: il dramma in costume originale diventa una visione di un nuovo arrivato moderno colpito alla testa. E inoltre, c'è il numero Charisse che è un'altra astrazione.

C'erano i predecessori: `Kane '(41) introdusse l'uso di molti dispositivi narrativi paralleli,` Children of Paradise' (45) aveva unito realtà e performance: `Red Shoes '(48) lo portava a ballare, e quelli sono da vedere anche. Ma qui, la tecnica diventa improvvisazioni di visual jazz sulla realtà. Emozionante.

Nessuna delle persone coinvolte si è mai avvicinata ad altri progetti. Dispari.

Valutazione di Ted: 4 di 4 - Ogni persona visivamente alfabetizzata dovrebbe provare questo.
data di revisione 02/21/2020
Garibull Laffer

"Singin 'in the Rain" potrebbe essere considerato in cima ai musical del film ... È fresco, fantasioso e divertente ...

Arthur Freed ha scritto i testi delle canzoni ed erano eccellenti, specialmente il numero del titolo "Singin 'in the Rain" che Stanley Kubrick ha ripetuto nella sua commedia nera "A Clockwork Orange" nel 1971 ...

Ma il misterioso potere di "Singin 'in the Rain" rimane nella sceneggiatura, scritto da Betty Comden e Adolph Green, il cui adattamento vivace è stato mostrato anche in musical come "On the Town", "It Always Fair Weather" e "Bells Are Squillo ". Il film è un musical geniale, la migliore immagine di gran lunga di Hollywood in transizione ...

È una dolce satira sulle modalità del film e le maniere degli anni Venti, messe insieme attorno al problema che hanno dovuto affrontare diversi attori e studi nella loro transizione dai film muti ai talkie ... Questa transizione è in realtà orrore e shock per diverse star del cinema che fallito per non avere abbastanza modo di parlare, ordine delle parole efficace tra immagine e voce ...

"Singin 'in the Rain" è la storia di una divinità sessuale selvaggiamente divertente interpretata da Jean Hagen che ruba il classico come un'aggressiva dea silenziosa e priva di talento che usa il ricatto per mantenere la sua stella nel cielo di Hollywood? ? Jean era innamorato di Kelly che voleva sostituirla con la talentuosa ragazza del coro Debbie Reynolds ..

"Singin 'in the Rain" è ricco nel modo brillante in cui è scritto e fatto ... I suoi tre numeri di produzione sono straordinari, illuminando l'immagine con diverse forme di intrattenimento e colori vivaci ?? Il grande numero di "Broadway Ballet" è una stravaganza surreale piena di magia, cast enorme, uso spettacolare di luci, colori, costumi e scenografie, oltre a un meraviglioso balletto ballato da Kelly e Cyd Charisse ...

Gene Kelly divenne leggendario come coreografo e regista ... Con Stanley Donen, oltre a "Singin 'in the Rain", ha realizzato "On the Town" e "It's Always Fair Weather". Nel loro insieme, sono elementi costitutivi per superare la maggior parte dei risultati musicali ...
data di revisione 02/21/2020
Rossen

Un film perfetto in tutti i sensi, "Singin In The Rain" è giustamente passato alla storia come il miglior film musicale di sempre. Ma è molto più di questo. Una commedia scintillante, con un cast che è perfetto al 100% e uno dei migliori film sui film mai realizzati.

Il genio di Gene Kelly non è mai stato così evidente come in questo film, ma, come sempre, non ruba mai lo spettacolo, infatti qui praticamente lo spettacolo gli è stato rubato dalla gravità di Donald O'Connor sfidando 'Make' Em Laugh 'e l'indimenticabile Jean Hagen Lina Lamont. Il numero del titolo di Kelly è l'epitome di spensierata disinvoltura. Il ragazzo è innamorato e non lascerà che un po 'di pioggia si frapponga. Questa scena "classica" è forse il momento più bello per battere tutti gli altri. Sfido chiunque a non soccombere al fascino irlandese di Kelly durante questo numero, se non sei già stato conquistato.

Ma un musical è solo un musical senza una storia decente. È qui che entra in gioco la sceneggiatura pertinente di Comden e Green. Usando le canzoni di Nacio Herb Brown dell'era in cui è ambientato il film, siamo riportati a Hollywood in transizione, un'epoca in cui i film muti venivano estromessi dai talkie. Per quello che è generalmente considerato solo una canzone leggera e un film di danza 'Singin In The Rain' prende una linea abbastanza accurata e fa un colpo satirico agli studi e ai pettegolezzi del giorno. C'erano stelle, come Lina Lamont, le cui carriere si disintegrarono con l'avvento del parlare di immagini, e altre, come Kathy Seldon, le cui stelle stavano iniziando a salire. Per un po ', non c'erano abbastanza allenatori di voce per andare in giro! La gara per abbinare il successo di "The Jazz Singer" è stata davvero caotica, con gli studi che hanno sfornato il potboiler dopo il potboiler per incassare il film. Fu anche un momento in cui MGM stesso iniziò il suo regno del genere musicale con numeri di produzione epici e cast di migliaia. In un certo senso, 'Singin In The Rain' entrambi i lampioni e celebra i propri antenati e il loro posto nella storia del cinema.

Esilarante, esuberante e ipnotizzante. Tuttavia, secondo me, il film più divertente e migliore mai realizzato!
data di revisione 02/21/2020
Courtnay
Anche se è stato in qualche modo oscurato da An American a Parigi a suo tempo, ora è giustamente considerato uno dei migliori musical di Hollywood mai realizzati. È il mio musical preferito, il film di Gene Kelly e uno dei miei film preferiti.

Kelly era senza dubbio al culmine della sua straordinaria carriera di attore, regista, coreografo e soprattutto ballerino. Ogni scena è piena di colori vivaci e vibranti e molte risate. La classe e il fascino di Kelly trasudano semplicemente dallo schermo. Ciò che rende il film così straordinario è il modo in cui ogni canzone e numero di danza scorrono senza sforzo e sono perfettamente integrati nella storia. Questi numeri mostrano non solo la straordinaria abilità di Kelly, Donald O'Connor e persino Debbie Reynolds, ma anche l'esuberanza di quella sensazione felice e spensierata degli anni '1920.

Alcuni dei numeri più importanti sono ovviamente il titolo di danza sotto la pioggia, e Broadway Melody, ma anche l'esilarante "Make Em Laugh" in cui O'Connor mostra il suo talento nel mescolare umorismo e movimenti acrebatici, e "Good Morning" dove Reynolds detiene la sua tra le 2 più grandi ballerine del tempo.

Questo film è un classico americano e assolutamente da vedere. È il film perfetto da guardare se vuoi ridere, sorridere o semplicemente guardare qualcosa che ti lascia con una bella sensazione. So che mi rimane sempre un sentimento glorioso nel cuore.
data di revisione 02/21/2020
Sylvester Pesavento

Sicuramente uno dei film più genuini che abbia mai visto. Per un musical, non si adattava allo stampo di essere un po 'banale. E alcuni film musicali che ho visto sono un po 'stantii, ma questo è lontano dall'etichetta. Stavo appena iniziando a vedere il lavoro di Gene Kelly (avevo visto per la prima volta An American a Parigi - che è un'altra gemma) e sono rimasto affascinato dalla sua energia e dal suo talento generale. Sicuramente un grande ballerino del suo tempo. È stato anche il primo film che ho visto dei precedenti lavori di Debbie Reynolds. È molto chiaro il motivo per cui è considerato uno dei migliori film di tutti i tempi. È spiritoso, romantico, affascinante e contiene bellissimi numeri musicali. Lo consiglio vivamente di essere un'aggiunta alla collezione di film di chiunque.
data di revisione 02/21/2020
Reg Piscitello
Esistono due tipi di musical. Puoi chiamarli cose diverse. Potresti chiamarli Hollywood Musical e Broadway Musical. Non è del tutto vero perché il musical di Hollywood è quello che era il musical di Broadway negli anni '20 e '30, prima che Rogers e Hammerstein cambiassero tutto. forse una distinzione migliore è il Musical danzante contro il Musical cantante, tranne per il fatto che entrambi i tipi hanno ballare e cantare ...

Proviamo così. I musical originali a Broadway negli anni '20 e '30 e Hollywood negli anni '30 e '40 erano musical con una leggera trama, alcuni canti e numeri di danza tremendi. Hanno anche una commedia bassa e molte belle ragazze. Di solito si tratta dello show business stesso e molti dei numeri si svolgono sul palco. gli altri sembrano il probabile risultato di riunire le persone dello spettacolo: ovviamente canteranno e balleranno di volta in volta. Guardandoli in questi giorni, il canto è un po 'noioso, i fumetti terribili e tramano la risposta alla preghiera di un deficiente. Sono i numeri di danza che sono senza tempo. Questi film sono stati realizzati per bobine di spicco come "That's Entertainment".

Rogers e Hammerstein hanno cambiato tutto. Hanno preso spettacoli seri e li hanno convertiti in operetta di musica popolare. I personaggi che non erano affatto nel mondo dello spettacolo usavano canzoni e balli come soliloqui per rivelare i loro pensieri privati. Il risultato sono stati alcuni dei migliori spettacoli e film di tutti i tempi: Oklahoma, Carousel, The King and I, South Pacific, The Sound of Music, Brigadoon, Gigi, My Fair Lady, The Music Man, ecc. South Pacific è stato il primo film che il mio genitore sever mi ha portato a vedere e questo è il tipo di musical che normalmente preferisco. Qui le canzoni tendevano a dominare- "Surrey with the Fringe on Top," Out of My Dreams "," La gente dirà che siamo innamorati "," Se ti amassi "," My Boy Bill "," I Have Dreamed ", "Hello Young Lovers", "Some Enchanted Evening", "Younger Than Springtime", ecc. Ecc. Ci sono pezzi di danza ma i ballerini sono in disparte.

"Singing in the Rain" è il più grande di tutti i musical di Hollywood. Ha le danze memorabili di cui un musical di Hollywood ha bisogno: "Make 'Em Laugh", Singing in the Rain "," Good Morning "," Broadway Melody ". C'è anche il meglio del libro delle canzoni di Freed-Brown, come" You are My Lucky Star ". Ma ha la storia più forte di qualsiasi musical di Hollywood, grazie al team Comden-Green e ai ricordi dei primi giorni del suono. È praticamente l'unico musical di Hollywood che avrebbe potuto resistere come un non- musical: avrebbe potuto essere solo una commedia sulla sua conversione al suono, non sarebbe stato "Singing in the Rain", ma sarebbe stato bello.

Così com'è, è l'unico musical che ha tutto.
data di revisione 02/21/2020
Merissa Mardirossian

"Singin 'in the Rain" è considerato da molti il ​​più grande musical di tutti i tempi. È difficile sostenere questo punto. Ha tutto, un cast solido, grandi canzoni, glorioso Technicolor e numeri di produzione solidi.

Don Lockwood (Kelly e Cosmo Brown (Donald O'Connor) sono vaudevilliani negli anni 1920. Non stanno andando molto bene e decidono di provare Hollywood. Lockwood diventa uno stuntman che si laurea in film d'avventura con la co-protagonista Lina Lamont ( Jean Hagen) È il momento dell'introduzione al suono e si scopre che Lamont non ha una voce adatta al suono.

Una notte dopo essere stato assalito da fan adoranti, Lockwood incontra Kathy Selden (l'ancora adolescente Debbie Reynolds), un'aspirante cantante / ballerina. Amore a prima vista. Kathy è addestrata a doppiare la voce di Lamont nel primo film sonoro dello studio. È un grande successo. Lamont organizza che Kathy sia contratta contrattualmente per continuare a doppiare la sua voce. Ma Lockwood, Cosmo e il boss dello studio RF Simpson (Millard Mitchell hanno altre idee e ................................. ..

Ci sono diverse esibizioni memorabili in questo film. O'Connor interpreta il comico "Make 'em Laugh", ovviamente Kelly esegue la melodia del titolo e appare nel numero di produzione di "Broadway Melody" con un cast di migliaia e l'incantevole Cyd Charisse con cui ha un paio di numeri di danza. Le star fanno anche una deliziosa canzone di "Good Mornin" e ballano. Jean Hagen quasi ruba il film nei panni dell'ingannevole Lina Lamont.

Gli MGM hanno rispolverato molte delle loro vecchie canzoni per questo film. "Good Mornin '", ad esempio, è stato cantato da Judy Garland in "Babes in Arms" del 1939. La canzone "Beautiful Girl" è eseguita abilmente da Jimmy Thompson che non ha ricevuto fatturazione o consensi per i suoi sforzi. Guarda Rita Moreno nei panni di Zelda, alleata intrigante di Lamont. Il cattivo cattivo occidentale "B" Douglas Fowley si esibisce in una dandy performance mentre anche la frustrata regista e Kathleen Freeman e King Donovan si presentano in ruoli minori.

Questo sarebbe il secondo successo di back to back di Gene Kelly dopo "An American in Paris" un anno prima. Purtroppo il musical del film era in declino e sia Kelly che O'Connor avrebbero presto cercato delle alternative. La minuscola Debbie Reynolds era appena iniziata e avrebbe continuato a esibirsi sul palco, film e TV per il resto della sua vita.
data di revisione 02/22/2020
Vala Gode

Singing In The Rain è per me il più grande musical mai realizzato, sicuramente molti altri lo avvicinano, secondo me The Wizard Of Oz sarà sempre un film 10/10 secondo me, ma Singing In The Rain è un film che non ha difetti , è un film perfetto.

Don Lockwood è una star del cinema muto, ma la sua vita è noiosa, poi arrivano i film parlanti e con loro gli occhi un'opportunità per migliorare notevolmente la sua vita. Un incontro casuale con la ballerina Kathy Selden determinerà ulteriormente il suo destino e, insieme al miglior amico e partner Cosmo Brown, le loro rispettive fortune si spera si uniscano al compimento.

Da dove inizi? Il film è un omaggio alla felicità, che si tratti di fare film o dell'amore, o di amicizie e onore, il film è puro e semplicemente gioioso dalla prima bobina all'ultima trionfale ripresa. Caratterizzato da una coreografia sbalorditiva, Singing In The Rain non riesce a farcela semplicemente avendo personaggi che si muovono attraverso una sceneggiatura e poi esplodono in canzoni di tanto in tanto, ogni canzone promuove i personaggi e porta avanti la storia svolgendosi per mantenere le linee della trama strette e cruciali, importante.

Make 'Em Laugh, Good Morning e Singing In The Rain sono solo alcune delle brillanti canzoni e routine di danza in mostra qui, con quest'ultima un pezzo ormai leggendario di storia cinematografica che parla di volumi per la natura gioiosa del film, mentre il la sequenza finale del 'Broadway Ballet' è la magica interazione di Debbie Reynolds come se fossero nati dallo stesso uovo, e la direzione congiunta di Stanley Donen (insieme a Kelly) è senza soluzione di continuità.

Pieno di battipalo di cappello e strizzatine d'occhio autoreferenziali, Singing In The Rain arriva regolarmente nelle prime dieci liste di critici e fan del cinema, quindi non lasciarti sfuggire da solo ... capovolgere bene lo merita. 10/10 sotto ogni aspetto.
data di revisione 02/22/2020
Catina

"Singin 'In the Rain" Trovo che sia un musical rilassato, uno il cui soggetto è il cambio traumatico che è stato affrontato dai produttori, attori e registi di Hollywood quando il suono è stato introdotto nel film intorno al 1928. Molti fan e critici credono che il musical sia uno dei migliori in assoluto; Non sono d'accordo. Ma è abbastanza insolito sotto diversi aspetti, suggerisco: in primo luogo perché il suo background è così realistico come un ambiente dal quale trarre personaggi accattivanti e opportunità di introdurre canzoni; e in secondo luogo perché il film è interpretato al limite della parodia senza mai cadere in quell'errore. I tre personaggi al centro del film sono un triangolo amoroso. Don Lockwood, interpretato amabilmente da Gene Kelly, è la compagna sullo schermo di Lina Lamont (degna di un Oscar Jean Hagen); ha scambiato la sua sincera esibizione per vero interesse; è innamorato di Kathy Selden, interpretata da Debbie Reynolds, diciannovenne troppo giovane ma coraggiosa, di cui Lina non sa nulla. Il duo professionista sta completando un altro film d'avventura romantico come un silenzio quando all'improvviso il suono viene introdotto nei film. I dirigenti dello studio si fanno prendere dal panico; e Don e il suo partner, interpretati da Donald O'Connor, convincono il regista Douglas Fowley, dall'aspetto sciatto e molto realistico, a convincere lo studio a lasciargli rifare il film come un musical - completando la parte incompiuta, ecc. Il problema si rivela non essere la transizione di Don ai talkie ma quella di Lina; ha la voce di una civetta. Il coaching diventa necessario; vengono introdotti numeri di danza sensazionale, incluso l'assolo di Kelly "Singin 'in the Rain", motivato dal suo innamoramento di Kathy; Il classico acrobatico di "Make 'Em Laugh" di Donald O'Connor; e il superfluo ma ben fatto "Gotta Dance" mette in mostra il balletto con Cyd Charisse nei panni di una gangster e Kelly nella speranza di Broadway. Quindi, il film è completato e debuttato; ovviamente Lina ha scoperto Kathy. E naturalmente questa satira intelligente funziona bene per tutti gli interessati, dopo alcune prove e tribolazioni. Mi diverto molto, suggerisco agli attori di imparare a "parlare nei fiori", dove i primi microfoni dovevano essere nascosti, ecc. Harold Rosson ha fornito la cinematografia, con la direzione artistica di Randall Duell e Cedric Gibbons. Le canzoni di Nacio Herb Brown sono state riciclate in modo intelligente per il film. Arthur Freed, il maestro specialista musicale della MGM, ha usato i talenti di Betty Comden e Adolph Green per la sceneggiatura e una canzone, "Moses Supposes"; aveva anche il simpaticissimo Stanley Donen di 28 anni come regista, che presto avrebbe aggiunto "On The Town" e "Seven Brides For Seven Brothers" a questo trionfo. Walter Plunkett ha realizzato i costumi d'epoca, con complesse decorazioni sceniche realizzate da Jacques Mapes e Edwin B. Willis. Il capo dello studio è stato interpretato da Millard Mitchell, con Rita Moreno e una dozzina di volti familiari in parti più piccole e apparizioni non accreditate come Joi Lansing, Paul Maxey, Sylvia Lewis, Kathleen freeman, King Donovan, Dawn Addams, Elaine Edwards, Mae Clarke e Snub Pollard. Il film fu influente, presumo, il mio criterio per includerlo tra queste recensioni, perché, subito dopo, altri 1920 e altri progetti del periodo furono ispirati dal suo successo; questi includevano "Has Anybody Seen My Gal", lo show televisivo "So This is Hollytwood", e infine "The Great Race", "The Rise and Fall of Legs Diamond Story" e altre centinaia, tra cui alcuni musical. Lo considero geniale, un'evocazione intelligente del periodo, leggera, esuberante, giovane e un'opera molto fondamentale con un forte carattere centrale e un background di realtà insolitamente interessante.
data di revisione 02/23/2020
Nani Allison
Questo è il mio film musicale preferito senza antenati del palcoscenico.

Considera cosa c'è nel mix: una cache di canzoni, tutte provate e vere da altri film. Un cast che era al top della sua forma, da Kelly stesso ai ruoli secondari interpretati da Rita Moreno e Millard Mitchell. Una sceneggiatura che è, allo stesso tempo, romantica ed eccitante, nitida e divertente.

Mescola insieme con un generoso ammasso di colori MGM e un pizzico di regista con un pedigree stellare e il risultato è, beh, qualcosa come "Singin 'in the Rain".

Non c'è un passo falso nell'intero tempo di esecuzione di 103 minuti del film. Adoro le battute dei primi film ("Non ha mai * capito * dove fosse quel microfono, capo!") E la pura energia dei numeri musicali ("Fit as a Fiddle", "Good Mornin '").

Non solo, ma non c'è una scena più romantica in tutto il cinema che può essere paragonata a Reynolds e Kelly che ballano con "You Were Meant for Me". La loro tip tap side-by-side dice di più su cosa provano l'uno dell'altro che pagine e pagine di dialogo.

Grandi cose!

Se pensi che questo film sia solo la sequenza di Kelly che schizza come una bambina di cinque anni in una pozzanghera, ovviamente non hai visto l'intero film. Fallo - ora! Non te ne pentirai!

PS: Nella categoria "Noleggia anche questo", se hai visto e adorato "Singin 'in the Rain", dai un'occhiata a "The Band Wagon". Spicca il mondo del teatro allo stesso modo in cui questo film arrostisce Hollywood!
data di revisione 02/23/2020
Allix Burnworth

Limiterò i miei commenti su "Singin 'in the Rain" alla sequenza "Broadway Rhythm" in cui Cyd Charisse ruba il film senza dire una parola. A mio avviso, Charisse, che è ancora splendido a 83 anni, era il ballerino di film per eccellenza degli anni '1950. La sua altezza, eleganza, distensione e quelle gambe incredibilmente lunghe - insieme a una straordinaria capacità di abbinare il suo stile a quello del suo partner - rendono la sua danza un'esperienza affascinante.

Molti hanno detto che i due numeri di "Singin 'in the Rain" che caratterizzano Charisse probabilmente appartengono a un altro film. Non lo so?? come flapper in giada, fa il sesso del personaggio rube di Kelly ad un'altezza di vapore insolita nei film di quell'epoca. In una danza piena di mosse meravigliose, la mia preferita arriva dopo averlo lasciato con il suo bocchino. Si allontana da lui, soffiandosi le unghie con noia studiata. Si è allontanata un po ', e mentre getta la sua mano destra indietro, getta giù il bocchino, le prende la mano e la fa volare fino al suo petto, dove continua a scivolare giù per la coscia di Kelly sul pavimento per uno dei tanti inclini posizioni che assume durante questo duetto, da cui ritorna in posizione eretta con una grazia straordinaria. Non sono pazzo per i balli che dipendono fortemente dagli oggetti di scena, ma questo lo fa in modo molto efficace: sono divertenti e rafforzano il carattere.

E grazie al cielo per il controllo artistico che ha permesso a Kelly di mantenere il numero di "velo pazzo" nella foto. Charisse ha discusso di quella danza, dove ha avuto modo di mostrare i suoi primi allenamenti di balletto, in modo molto affascinante per una funzione "Passaparola" su TCM. Lei e altri hanno notato nel corso degli anni che le macchine del vento hanno richiesto di mantenere quel velo incredibilmente lungo che si muoveva e ondeggiava tra e sopra di lei e Kelly ha reso le riprese un incubo. Ma sembra senza sforzo, su un set che è una sottile illusione ottica non tanto profonda né inclinata come sembra.

Entrambi i balli finiscono allo stesso modo. Che si tratti di una malvagia gangster a buon mercato in verde sgargiante o di una dea greca in bianco, meno ovviamente sotto il controllo di un mafioso, Charisse viene invariabilmente richiamata alla realtà da palline offerte e monete lanciate minacciosamente. Ma alla fine del folle numero di velo, è lei a lanciare le monete.

Meraviglioso.
data di revisione 02/23/2020
Fabe
Tutti conoscono Gene Kelly che canta e balla nel numero del titolo del film, ma questo è solo uno dei tanti numeri musicali magici in questo epico pezzo di intrattenimento beato. Ambientato durante il periodo turbolento in cui Hollywood si stava convertendo da film muti in suoni, ?? Singin 'in the Rain' è un perfetto esempio di tutto ciò che è buono e giusto nel fare film. Gene Kelly nel suo ruolo più grande è una sensazione tutta da cantare, da ballare e anche la sua recitazione è dannatamente buona. Donald O'Connor eccelle come il suo esuberante aiutante e quasi ruba lo spettacolo con l'insuperabile "Fallo ridere". Debbie Reynolds è esuberante e sexy come l'interesse amoroso di Kelly, mentre Jean Hagen offre una delle più grandi interpretazioni dello schermo nei panni dell'orrida Lena Lamont, una dea silenziosa dello schermo la cui voce non lo taglierà nei talkie.

I numeri musicali scorrono veloci e furiosi mentre Gene e Donald eseguono incredibili prode di coreografie con "Fit as a Fiddle" e "Moses Supposes" mentre "Good Mornin" ti farà ballare nelle navate. Se ?? Singin 'in the Rain' non avesse numeri musicali, sarebbe comunque un contendente per il film più divertente mai realizzato. I problemi con gli esperimenti con film sonori sono dolorosamente divertenti, e la silenziosa battaglia di Kelly con il demoniaco Hagen è esilarante. Il riconoscimento della pura perfezione può essere conferito a pochi film, e un titolo del genere è forse persino un eufemismo in questo caso. E mai prima d'ora la pioggia sembrava così divertente.
data di revisione 02/24/2020
Marozik Ayo

Singin 'in the Rain è uno dei migliori film mai realizzati. Il film è bellissimo, melodioso e molto divertente. Mentre prende in giro Hollywood, lo fa anche con grande amore. Piccoli frammenti della tradizione hollywoodiana si fanno strada in questo grande film ed è un piacere prendere la battuta o riconoscere la vera star a cui si riferiscono.

Il trio stellare è semplicemente perfetto: Gene Kelly si esibisce in modo divertente nei panni dell'attore silenzioso e impassibile; Donald O'Connor ottiene il massimo dal suo ruolo di "seconda banana"; Debbie Reynolds è perfetta come l'ingegnere che cerca di entrare nel cinema.

Le tre stelle interpretano molti numeri memorabili, incluso il classico di "Singin 'in the Rain" di Kelly; tutti e tre nel numero "Good Mornin '"; "Make 'Em Laugh" di O'Connor; e Kelly e Reynolds in "Sei stato destinato a me". Il capolavoro tuttavia potrebbe essere il numero di produzione di "Gotta Dance" con Kelly e Cyd Charisse semplicemente perfetto. Altrettanto divertenti sono O'Connor e Kelly in "Fit as a Fiddle" e "Moses Supposes".

Ci sono ovviamente altri numeri di produzione, incluso il montaggio che mostra la corsa di Hollywood alla transizione verso i talkie, una scena che termina nel numero di "Beautiful Girl" con Jimmy Thompson.

Jean Hagen (con il nome Lina Lamont) ha vinto una nomination all'Oscar e ruba il film in una commedia classica. Buoni anche Millard Mitchell, Douglas Fowley, Rita Moreno, King Donovan, Kathleen Freeman, Mae Clarke, Julius Tannen e Madge Blake.

Il grande trucco di questo film è che mentre Reynolds sta presumibilmente "sincronizzando le labbra" per Hagen, in realtà è la voce di Hagen che Reynolds imita come nel numero "I Would, Would You". L'ultimo atto mimico è che Hagen ha pronunciato "Singin 'in the Rain" in realtà Reynolds. Diventa così confuso che non puoi dire chi sta sincronizzando le labbra di chi voce.

Molte tradizioni di Hollywood raccontate in questo film. Il personaggio di Hagen Lamont è un riferimento velato a Norma Talmadge, che presumibilmente fallì nei talkie a causa del suo accento newyorkese. È anche un riferimento a Louise Brooks, il cui debutto in talkie in The Canary Murder Case è stato doppiato. Quando Kelly urla "I LOVE YOU" fa riferimento a John Gilbert nel suo flop di debutto. La sua gloriosa notte. Il personaggio di coach di dizione di Kathleen Freeman è un riferimento a Constance Collier, che è tornato a Hollywood come allenatore. E continua così.

Un grande film!
data di revisione 02/24/2020
Dominique Diloreto

Una cosa che ho notato leggendo i commenti di questo film è che nessuno ha riconosciuto la sceneggiatura di Betty Comden e Adolph Green. Senza la loro sceneggiatura il film non viene realizzato. È una grande sceneggiatura resa migliore dalla direzione fluida di Gene Kelly e Stanley Donens. Tutto in questo film scorre senza sforzo. Metti in ballo da Donald O'connor, Debbie Reynolds, Cyd Charisse e ovviamente Gene Kelly, Grandi canzoni e la volontà del produttore Arthur Freed di permettere ai creativi di fare le loro cose e tu hai un classico.
data di revisione 02/24/2020
Hazem Faw

Questo è uno di quei pochi film universalmente amati e rispettati e su questo devo unirmi alla folla. Per oltre 50 anni è stato considerato il miglior musical mai realizzato e non posso nemmeno discuterne, specialmente con la versione DVD recentemente restaurata che è uscita poco tempo fa. Il film non ha mai avuto un aspetto e un suono migliore!

In poche parole, la ragione per l'elevato elogio, penso che sarebbe: 1 - simpatici personaggi principali (Debbie Reynolds, Gene Kelly, Donald O'Connor); 2 - Numeri eccellenti di canti e danze, coronati da uno dei più famosi di tutti i tempi, il brano "Singin 'In the Rain", con Kelly; 3 - Ottimo umorismo durante tutto il film, aiutato dalla stupida imitazione bionda di Jean Hagen, che può essere la migliore mai filmata; 4 - Colori spettacolari (si prega di ottenere questo ultimo DVD a 2 dischi) e 5 - ovviamente, semplicemente un film molto divertente dall'inizio alla fine.

Alcuni commenti collaterali: Kelly ottiene l'eredità con la sua canzone dance, ma la danza di O'Connor qui è altrettanto buona. In effetti, secondo quanto riferito, una delle sue routine da solista lo ha esaurito così tanto che non ha potuto lavorare per cinque giorni. Un bel vantaggio è vedere Cyd Charisse qui, che mostra le sue abilità di ballo e le sue gambe fantastiche.
data di revisione 02/24/2020
Thilda

Tutti ricordano la scena. È quello in cui cammina lungo la strada, ballando e cantando sotto la pioggia. La sequenza musicale non deve ancora essere superata da nessun film - anche il mio musical preferito di tutti i tempi, "Grease" (1978), non ha alcuna possibilità. In effetti, c'è un altro grande numero musicale in "Singin 'in the Rain", con Donald O'Connor che getta il suo corpo come una bambola di pezza. Anche se cantare nel numero di pioggia è il famigerato marchio del film e dei musical ovunque, il mio preferito è "Make 'em Ridere".

Non molte persone sanno, tuttavia, che Gene Kelly aveva una febbre di 103 gradi durante le riprese della famigerata scena - una cosa pericolosa da fare, a posteriori, considerando che si stava agitando e sudando nel versare acqua con un tale alta temperatura. Ma anche allora, non molte persone sanno che l '"acqua piovana" che si riversava sulla strada gioiosamente chiassosa era in realtà composta da acqua e latte. Il latte è stato aggiunto al mix nel tentativo di ottenere l'effetto delle gocce di pioggia che appaiono sullo schermo. (Mel Gibson notò una volta che durante le riprese di "Braveheart" pioveva quasi tutto intorno a loro, ma era praticamente impossibile notare qualsiasi pioggia nel film poiché i fogli di liquido erano così sottili.)

"Singin 'in the Rain" può probabilmente essere definito il più grande musical di tutti i tempi, anche se il mio piacere colpevole è "Grease" (quanto è obsoleto il film, eppure quanto divertente rimane!). Ogni cineasta serio conosce questo film, e proprio ieri mentre guardavo il conto alla rovescia della Gran Bretagna per il più grande musical mai realizzato, ho notato che "Singin 'in the Rain" era in cima alla lista ("Grease" era il numero 1, sebbene qualsiasi elenco che post "Buffy the Vampire Slayer: The Musical" in cima alla lista di "Singin 'in the Rain" non ci si può fidare).

Don Lockwood (Kelly) è una star del cinema muto nel 1927, un ex musicista che vive una storia d'amore sullo schermo con Lina Lamont (Jean Hagen) e lascia che la pubblicità porti la sua relazione sullo schermo a un livello completamente nuovo (pensa al recente tabloid di Ben e Jen romanza). La stampa ama pensare che le sue due più grandi star siano la coppia più carina della nazione, ma in realtà Lockwood disprezza Lamont e Lamont - avendo letto riviste trasandate - ritiene che il loro rapporto sia reale. "Oh, Donny!" Piange Lina. "Non potevi baciarmi così e non volerlo dire solo un po 'adolescenziale!" Lockwood: "Incontra il più grande attore del mondo - Preferirei baciare una tarantola." Lina: "Non intendi questo." Lockwood: "Io no? Ehi Joe, dammi una tarantola!"

Quando lo studio cinematografico muto inizia il passaggio dal cinema muto a nuovi "talkie", significa che Lockwood dovrà prendere lezioni di recitazione per imparare a recitare davvero, e Lamont - una giovane donna con voce cigolante - dovrà imparare ad imparare la grammatica corretta. (Alcune scene con un istruttore di grammatica mi hanno ricordato "My Fair Lady", a dire la verità, anche se è stato girato 12 anni dopo.)

Lockwood incontra una ragazza di nome Kathy Seldon (Debbie Reynolds), che rifiuta di cadere vittima del suo fascino di Hollywood ma alla fine impara ad amare il ragazzo dopo averla tirata fuori da una stretta stretta o due.

Nel frattempo, l'amico di Lockwood, Cosmo (O'Connor), suggerisce di iniziare a mettere in scena musical per film invece di "talkie" - in questo modo, tutto ciò che Lockwood deve fare è cantare e ballare, qualcosa in cui eccelle già. ("Crea un musical! Il nuovo Don Lockwood: fa lo yodel! Salta sulla musica!")

Ma la gente vuole Lockwood e Lamont, non Lockwood da solo, e la prospettiva di perdere denaro non è una prospettiva brillante per la compagnia cinematografica. Quindi Lina è filmata con lui nei musical e verso la fine del nostro film, la dolce e giovane Kathy si lamenta della voce di Lina e non gli viene dato alcun merito. Lamont è troppo imbarazzata per ammettere che non sa cantare, e quindi ricatta il distributore al film - se riconoscono Kathy alla fine del suo nuovo film, intraprenderà un'azione legale.

E così arriva il finale climatico sul palco mentre Lockwood rivela il vero cantante dietro al film (ironico, dal momento che è stata la stessa Lamont a doppiare la voce di Reynolds durante la sequenza). Come ha osservato Roger Ebert, la scena in cui Lockwood esplode sul palco e fa uscire Kathy dalla folla di curiosi è banale, ma è dolce ed esattamente il momento di un momento emotivamente edificante che raramente viene realizzato al giorno d'oggi.

La famigerata crudeltà di Gene Kelly sul set di "Singin 'in the Rain" è diventata una sorta di folklore, ed è vero. Ha rimproverato gli attori se hanno incasinato un solo numero di ballo. O'Connor in seguito ha ammesso di essere estremamente spaventato di commettere un singolo errore, temendo che Kelly si sarebbe scagliato contro di lui.

Questa severità non traspare dal personaggio di Kelly in "Singin 'in the Rain". In effetti, molte delle mosse di danza (come gli schizzi frenetici nelle pozzanghere) sembrano piuttosto casuali, ma sono state tutte coreografate all'estremo.

È per questo che il film è considerato come forse il musical americano definitivo? Questo probabilmente ha qualcosa a che fare con questo. Penso che sia soprattutto la gioia di tutto, però - brillante, allegro, felice e incoraggiante, il film è uno dei film più puramente divertenti di tutti i tempi. Non richiede nulla di simile ad alcuni film, ma restituisce molto.

La pubblicità di "Singin 'in the Rain" ha promesso una sensazione gloriosa, e in questo modo il film è all'altezza del suo slogan. È divertente, luminoso, glorioso e divertente. Non si prende sul serio, ma offre allo spettatore la possibilità di sperimentare qualcosa di piuttosto raro: un grande film a tutto tondo.

Che sensazione gloriosa, davvero.

5 / 5.

Lascia una valutazione per Singin 'in the Rain